,,

Covid, contagio da superfici: nuova scoperta ribalta tutto

Un nuovo report ha fatto chiarezza su qual è il rischio di contrarre il coronavirus a partire da superfici contaminate

I rischi di trasmissione del coronavirus a partire da oggetti infetti destano preoccupazione fin dall’inizio della pandemia. Per questo, in molti luoghi pubblici e privati, la disinfezione delle superfici occupa un posto importante nelle pratiche ormai quotidiane di lotta al Covid-19. Adesso, un nuovo report dei Centers for Disease and Control Prevention (CDC) statunitensi ha fatto chiarezza su quali sono i rischi effettivi di contrarre la malattia a partire dal contatto con una superficie.

Contrarre il coronavirus dalle superfici è un rischio che riguarda “solo un caso su 10mila”: è questo il dato emerso dal rapporto dei CDC. Il nuovo studio, quindi, ha ribadito che la principale modalità con cui si verifica il contagio da Sars-CoV-2 è attraverso l’esposizione a goccioline respiratorie, ovvero i droplet.

Nel nuovo studio, i CDC hanno approfondito e fatto chiarezza sul tema, dando anche alcune informazioni pratiche: “I risultati di queste ricerche suggeriscono che il rischio di infezione da Sars-Cov-2 attraverso la via di trasmissione dei fomiti – ovvero oggetti inanimati come le superfici – è basso e in genere inferiore a 1 su 10 mila, il che significa che ogni contatto con una superficie contaminata ha meno di 1 su 10 mila possibilità di causare un’infezione“.

Con questi risultati, si potrebbe mettere in dubbio l’effettiva utilità dei disinfettanti per l’igiene delle superfici. Ebbene, i ricercatori hanno specificato che queste pratiche hanno dimostrato di essere efficaci “nel prevenire la trasmissione secondaria di Sars-Cov-2 tra una persona infetta e altre persone all’interno della famiglia“.

Al contrario, “c’è poco supporto scientifico per l’uso di routine dei disinfettanti in contesti comunitari, sia interni sia esterni, per prevenire la trasmissione da Sars-Cov-2 da fomiti. Nella maggior parte delle situazioni, per ridurre il rischio di contagio è sufficiente la pulizia delle superfici utilizzando sapone o detergente“.

In particolare, disinfettare le superfici è utile “solo negli ambienti interni della comunità in cui si è verificato un caso sospetto o confermato di Covid-19 nelle ultime 24 ore”, hanno specificato i ricercatori.

Quindi, hanno concluso gli studiosi, via libera alla disinfezione in ambito domestico e laddove si sia verificato un caso positivo in luoghi pubblici. Sufficiente una normale pulizia con acqua e sapone, invece, in tutti gli altri casi.

VirgilioNotizie | 10-04-2021 07:29

Covid, nuova categoria di contagiati. I resistenti, chi sono Fonte foto: ANSA
Covid, nuova categoria di contagiati. I resistenti, chi sono
,,,,,,,