,,

Coronavirus, trasmissione anche con il respiro: il nuovo studio

La trasmissione non avverrebbe solo con tosse e starnuti, secondo l'Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti

Il coronavirus non si trasmette solo con il Droplet, ovvero con le goccioline provenienti da tosse e starnuti. Secondo uno studio riportato dall’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti, infatti, il SarsCov2 è stato trovato anche in campioni d’aria raccolti a oltre 1,8 metri di distanza tra due pazienti. Gli studiosi lo hanno spiegato in una lettera al capo delle politiche scientifiche della Casa Bianca, inserendosi in un dibattito che va avanti da tempo.

L’ipotesi, fino a oggi, era che il contagio avvenisse in primo luogo con le goccioline emesse da tosse e starnuti con un diametro superiore a 1 millimetro.

Invece, se il coronavirus può rimanere sospeso nelle particelle ultrafini prodotte col respiro, la protezione diventa molto più difficile e si rafforza la tesi che tutte le persone dovrebbero indossare le mascherine in pubblico per ridurre la trasmissione del virus da persone asintomatiche.

Nella lettera di Harvey Fineberg, capo della commissione permanente sulle malattie infettive permanenti dell’Accademia di scienze americana, si fa riferimento a uno studio dell’università del Nebraska.

La ricerca è stata condotta dal gruppo di Joshua Santarpia in 11 stanze di isolamento, dove erano ricoverati pazienti con Covid-19, in cui sono stati trovati campioni dell’Rna del virus a oltre 1,8 metri dai pazienti.

Coronavirus nell’aria: cosa ne pensa l’Iss

Secondo il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro, tuttavia, non ci sono al momento evidenze che il nuovo coronavirus circoli nell’aria. Questa via era nota in determinati contesti, come quelli sanitari, ma al momento la letteratura scientifica indica che le principali vie diffusione del virus sono quelle per droplet e per contatto.

VIRGILIO NOTIZIE | 03-04-2020 13:23

Che aspetto ha il coronavirus: la prima foto dall'ospedale Sacco Fonte foto: Ansa
Che aspetto ha il coronavirus: la prima foto dall'ospedale Sacco
,,,,,,,