,,

Coronavirus, la teoria della virologa Yan: "Ecco come è nato"

Secondo la virologa Li-Meng Yan il mercato di Wuhan non c'entra con l'origine del coronavirus

Si riaccende il dibattito sull’origine del coronavirus Sars-Cov-2. A lanciare nuove accuse è la virologa Li-Meng Yan, secondo cui “non ci troviamo davanti a un virus naturale, ma a un patogeno artificiale rilasciato da un laboratorio. Nessuno sta dicendo la verità: anche l’Oms collabora con il Partito Comunista Cinese”.

L’esperta, intervistata da Maria Luisa Rossi Hawkins, ha promesso di rivelare le prove che confermerebbero la sua teoria: “Presto pubblicherò un nuovo rapporto, oltre a quello che ho già diffuso. Conterrà molti dettagli specifici su come sia stato sviluppato il virus e su chi era in possesso delle sostanze utilizzate. A quel punto tutti potranno vedere che ho ragione”.

La dottoressa ha definito la pandemia di Covid-19 “una catastrofe storica che non sarebbe mai dovuta accadere”.

Ai microfoni di ‘News Mediaset’, Li-Meng Yan ha raccontato di come molti suoi colleghi le abbiano intimato di tacere e nascondere la verità. E ha detto: “Il mercato di Wuhan è soltanto una scusa, non c’entra con la diffusione del virus”.

La virologa ha lanciato un messaggio alla comunità scientifica, che l’ha accusata in passato di aver divulgato una teoria infondata: “Lavoro in questo campo da anni, sono ai vertici della ricerca e so come funziona. Lo studio che ho pubblicato è molto chiaro: gli scienziati e le riviste che mi hanno criticato non l’hanno esaminato con attenzione, si sono fidati di ciò che è stato filtrato dalla bocca di altri accademici”.

VIRGILIO NOTIZIE | 24-09-2020 14:22

Riaprono le scuole a Wuhan. La novità delle luci ultraviolette Fonte foto: Ansa
Riaprono le scuole a Wuhan. La novità delle luci ultraviolette
,,,,,,,