,,

Coronavirus, incerta la diffusione al Sud: l'ipotesi del virologo

Secondo il dottor Robert Gallo l'epidemia italiana è diversa da quella cinese e potrebbe non svilupparsi al Sud

Non è certo che l’epidemia da coronavirus si diffonderà nelle zone del Sud Italia nello stesso modo in cui ha fatto nelle regioni del Nord. A dirlo è Robert Gallo, fra gli scopritori del virus dell’Aids negli anni Ottanta e direttore dell’Institute of Human Virology presso la University of Maryland (Usa). In un’intervista all’Adnkronos, Gallo ha parlato delle variabili che potrebbero influire, tra cui il clima e la differenza con l’epidemia cinese.

In Italia, secondo Robert Gallo, c’è un’epidemia in corso che appare sostanzialmente diversa rispetto a quella in corso in Cina, “con una mortalità che è più alta: si dovrà verificare come mai”.

Il Sud Italia, tuttavia, potrebbe essere risparmiato da una diffusione “sostenuta” perché, “mappamondo alla mano, stiamo notando una diffusione da Est a Ovest e viceversa, piuttosto che da Nord a Sud”.

Guardando il globo terrestre, infatti, il virologo ha notato che “il virus, ad esempio, non si è diffuso in Russia, come nemmeno in Africa. Non sappiamo ancora perché, forse è un fattore legato alle temperature, forse no. Ma è un elemento che ha senso tenere in considerazione”.

Gallo, da Baltimora, guarda con serietà alla situazione in Italia: “Tutti qui negli Usa ne stanno seguendo con apprensione l’andamento. Ho molti collaboratori che provengono dal Nord del vostro Paese e che sono molto preoccupati, così come lo sono io”.

In merito a eventuali consigli, il parere del virologo è che “le misure decise dal governo non siano di certo una reazione eccessiva. Sono state prese le giuste decisioni. Quello che succederà nei prossimi giorni nel vostro Paese – ha sottolineato – dipenderà dalla risposta delle persone”.

“Difficile fare previsioni“, ha ammesso Gallo, con la speranza “che gli italiani ascolteranno i consigli del governo”.

VIRGILIO NOTIZIE | 10-03-2020 17:47

Coronavirus: da Roma a Milano, le città italiane sono deserte Fonte foto: Ansa
Coronavirus: da Roma a Milano, le città italiane sono deserte
,,,,,,,