,,

Muore Enrico, erede del clan Spada. Ostia blindata per i funerali

Si teme un funerale con carrozze, musica e cortei. Il litorale di Roma è tenuto sotto stretta sorveglianza dalle forze dell'ordine

Enrico Spada, 33 anni, è morto all’ospedale San Camillo – Forlanini di Roma martedì notte. Figlio di Ottavio ‘Maciste’ Spada e soprannominato a sua volta ‘Macistino‘ per la sua stazza imponente, era considerato, secondo Il Messaggero, il vero erede del clan di Ostia, colui che avrebbe portato avanti gli affari di famiglia.

Tornato in libertà a fine settembre, Enrico Spada era stato assolto nel processo che ha fatto seguito all’operazione Eclissi, per cui erano stati arrestati 32 membri del clan, tra cui il padre Ottavio.

Lo scorso mese è stato invece condannato Roberto Spada, famoso per la ‘testata‘ al giornalista Rai.

Enrico Spada sarebbe morto per una patologia cardiaca all’ospedale San Camillo – Forlanini. Secondo quanto riferito dall’Ansa, la questura di Roma ha stabilito che per “motivi di ordine e sicurezza” i funerali si svolgano in forma privata. La funzione è in programma oggi a Ostia antica. Una decisione presa per evitare funerali show, come avvenne anni fa per Vittorio Casamonica. La scorsa estate il questore impose i funerali in forma privata anche per Fabrizio Piscitelli, ultrà della Lazio noto come Dialolik ucciso con un colpo di pistola nel parco degli Acquedotti.

Ai familiari di Enrico Spada era stato comunque notificato un provvedimento che li obbligava a svolgere una cerimonia strettamente privata, priva di “modalità clamorose“.

Uomini in divisa e in borghese monitoreranno tutta l’area del litorale romano per fermare qualsiasi tipo di corteo.

In un primo momento era girata la voce che per animare il funerale di Enrico Spada ci sarebbe stato Tony Colombo, divenuto celebre per le ‘nozze trash‘ con Tina Rispoli, vedova del boss della camorra Gaetano Marino. ‘Macistino’, riporta Il Messaggero, era infatti appassionato di musica neomelodica.

Enrico Spada aveva ereditato il nome di battesimo dal ‘Re di piazza Gasparri’, noto come ‘Pelè‘, il primo boss che negli anni ’80 aveva seminato terrore e paura a Ostia, capostipite del clan Spada. Morì di Aids nel 2016, e anche in quel caso vennero vietati i funerali-show.

VIRGILIO NOTIZIE | 19-12-2019 09:43

,,,,,,,