,,

Emilia Romagna, caso Jolanda di Savoia: bufera su Bonaccini

Esposto del sindaco per presunte pressioni da parte del governatore Stefano Bonaccini, interviene anche Matteo Salvini

Una nuova bufera politica, con protagonista Stefano Bonaccini, è scoppiata al termine della campagna elettorale in Emilia Romagna e Calabria, attese alle urne domenica 26 gennaio. Il governatore e candidato del centrosinistra è intervenuto direttamente sul caso Jolanda di Savoia.

Stefano Bonaccini, Jolanda di Savoia: “Non ho paura di niente e nessuno”

Rispondendo in un’intervista su Radio24, Stefano Bonaccini ha parlato di Lucia Borgonzoni: “Non mi è piaciuto che negli ultimi giorni, forse perdendo un po’ la testa, ha cercato di gettare fango anche su di me”.

Riferendosi nello specifico al caso di Jolanda di Savoia, ha sottolineato: “Non sanno che sulla mia onestà e la mia moralità non ho paura di niente e di nessuno. Ma chi ha tolto 49 milioni di euro agli italiani si vede che è abituato a certi tentativi. Avrei voluto parlare della mia regione, delle idee che abbiamo per governare l’Emilia Romagna”.

Matteo Salvini: “Su Jolanda di Savoia dovrebbero intervenire governo e Anci”

Dopo Giorgia Meloni, anche Matteo Salvini si è espresso sull’argomento, secondo quanto riporta l’Ansa: “Incredibile, spuntano parole minacciose di Stefano Bonaccini al sindaco di Jolanda di Savoia, e le gravi ammissioni di un altro primo cittadino che sentiva addirittura ‘il coltello puntato alla schiena'”.

“Cosa deve ancora succedere?”, si è chiesto il segretario della Lega. “In un Paese normale, oltre alla magistratura, sarebbero già intervenuti governo e soprattutto l’Associazione Nazionale Comuni Italiani”.

Jolanda di Savoia: scoppia la bufera per il presidente Stefano Bonaccini

Il primo cittadino di Jolanda di Savoia, Paolo Pezzolato, secondo quanto riporta l’Ansa, ha presentato un esposto per denunciare Stefano Bonaccini, accusandolo di aver fatto pressioni affinché tre comuni limitrofi isolassero il piccolo centro.

Il governatore avrebbe imposto alle altre cittadine di non condividere con il paese gli stessi dipendenti comunali, in seguito alla decisione della vicesindaca del paese di supportare la candidata della Lega Lucia Borgonzoni.

La Procura di Bologna, con il capo procuratore Giuseppe Amato, ha aperto un fascicolo conoscitivo, senza indagati né ipotesi di reato, sulla vicenda delle presunte pressioni da parte del presidente Stefano Bonaccini. All’esposto è allegato anche l’audio di una telefonata tra il governatore e il sindaco.

 

VIRGILIO NOTIZIE | 24-01-2020 18:14

Elezioni regionali in Emilia Romagna: chi sono i candidati Fonte foto: Ansa
Elezioni regionali in Emilia Romagna: chi sono i candidati
,,,,,,,