,,

Matteo Messina Denaro arrestato in una clinica a Palermo: si stava sottoponendo a una seduta di chemioterapia

Arrestato Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993: era in una clinica di Palermo per una seduta di chemioterapia

Pubblicato il: - Ultimo aggiornamento:

Matteo Messina Denaro è stato arrestato la mattina di lunedì 16 gennaio, dopo 30 anni di latitanza, in una clinica privata di Palermo, ‘La Maddalena’. Era lì per una seduta di chemioterapia. Il 60enne si era reso irreperibile dal 1993. Dopo il blitz, è stato portato nella caserma dei carabinieri, quindi all’aeroporto Boccadifalco per essere trasferito in un carcere di massima sicurezza. La stessa cosa accadde al boss Totò Riina, arrestato il 15 gennaio di 30 anni fa.

L’arresto

Il boss mafioso Matteo Messina Denaro è stato arrestato dai carabinieri del Ros, dopo 30 anni di latitanza.

L’inchiesta che ha portato alla cattura del capomafia di Castelvetrano (Trapani) è stata coordinata dal procuratore di Palermo Maurizio De Lucia e dal procuratore aggiunto Paolo Guido.

carabinieri ros clinicaFonte foto: ANSA
Carabinieri del Ros nei pressi della clinica privata in cui è stato arrestato Matteo Messina Denaro, boss latitante da 30 anni

Matteo Messina Denaro è stato arrestato in una clinica privata di Palermo, ‘La Maddalena’: secondo quanto riferito dal comandante del Ros dei carabinieri, Pasquale Angelosanto, il boss si trovava lì “per sottoporsi a terapie”.

Ad arrestarlo, come spiegato dall’Ansa, gli uomini del Ros insieme a quelli del Gis e dei comandi territoriali.

Le prime parole di Messina Denaro

“Come ti chiami?”, gli hanno chiesto i carabinieri. “Sono Matteo Messina Denaro“, avrebbe risposto secondo quanto riferito dall’Ansa.

Il capomafia avrebbe cercato di allontanarsi alla vista dei carabinieri. Un tentativo di pochi istanti fermato dai militari.

Dopo il blitz, Matteo Messina Denaro è stato portato nella caserma dei carabinieri, quindi all’aeroporto Boccadifalco e da lì in un carcere di massima sicurezza.

La chemioterapia

Il boss, in clinica, aveva appena fatto il tampone e stava aspettando gli altri esami prima di sottoporsi a una seduta di chemioterapia.

Messina Denaro era stato operato nel 2021 per alcune metastasi al fegato, partite da un cancro al colon.

Sarebbe stato operato nell’ospedale Abele Ajello di Marsala: da allora si era sottoposto a cicli di chemio e visite fino alla scoperta del tumore al fegato.

Dopo l’operazione, si sarebbe sottoposto a cicli una volta ogni sei mesi.

L’ovazione dei pazienti

Secondo quanto appreso da fonti investigative, l’ex superlatitante faceva controlli in quella struttura da circa un anno. L’edificio era stato messo in sicurezza dal Ros nella notte tra domenica 15 e lunedì 16 gennaio, per tutelare tutti gli altri pazienti.

Quando è stato arrestato, Messina Denaro non era allettato ma si stava sottoponendo a dei controlli.

“Bravi, bravi!”, le urla di incoraggiamento, condite dagli applausi, nei confronti dei carabinieri del Ros da parte di decine di pazienti e loro familiari dopo le manette al boss.

Chi è Matteo Messina Denaro

Matteo Messina Denaro è nato a Castelvetrano, in provincia di Trapani, il 26 aprile 1962: è noto con i soprannomi di ‘U siccu‘ e ‘Diabolik’.

Figlio del vecchio capomafia Ciccio, storico alleato dei corleonesi di Totò Riina, Matteo Messina Denaro era latitante dall’estate del 1993, quando in una lettera scritta alla fidanzata dell’epoca, Angela, dopo le stragi mafiose di Roma, Milano e Firenze, aveva iniziato la sua vita da Primula Rossa.

“Sentirai parlare di me – le aveva scritto, facendo intendere di essere a conoscenza che, di lì a poco, il suo nome sarebbe stato associato a gravi fatti di sangue -: mi dipingeranno come un diavolo, ma sono tutte falsità“.

Matteo Messina Denaro era l’ultimo boss mafioso di “prima grandezza” ancora ricercato: una latitanza record come quelle dei suoi fedeli alleati Totò Riina (arrestato dopo 23 anni dal Capitano Ultimo) e Bernando Provenzano (38 anni).

Nel 1989 era stato denunciato per associazione mafiosa, dopo aver partecipato alla faida tra i clan Accardo e Ingoglia a Partanna.

Proprio in quell’anno, Paolo Borsellino iscrive per la prima volta il nome di Matteo Messina Denaro in un fascicolo d’indagine.

Nel 1991 aveva invece ucciso Nicola Consales, proprietario di un albergo di Triscina, che si era lamentato con una sua impiegata – all’epoca amante di Matteo Messina Denaro – di “quei mafiosetti sempre tra i piedi”.

Nel 1992 fa parte del commando composto da mafiosi di Brancaccio e della provincia di Trapani, inviato a Roma per mettere a segno un attentato nei confronti di Maurizio Costanzo e per uccidere Giovanni Falcone e il ministro Claudio Martelli.

Nel luglio 1992, è tra gli esecutori dell’omicidio di Vincenzo Milazzo, capo della cosca di Alcamo. Poi strangola la compagna del boss, Antonella Bonomo, incinta di tre mesi.

Durante il sequestro del piccolo Giuseppe Di Matteo, come raccontato dal collaboratore di giustizia Gaspare Spatuzza, si sarebbe travestito da poliziotto della Dia, ingannando il ragazzo e raccontandogli che lo avrebbe portato dal padre, in quel periodo sotto protezione lontano dalla Sicilia. L’avrebbe poi ucciso e quindi sciolto nell’acido.

Nel 1998, dopo la morte del padre Francesco, è diventato capomandamento di Castelvetrano e rappresentante della provincia di Trapani in Cosa nostra.

Per il suo arresto, negli anni, sono stati impegnati centinaia di uomini delle forze dell’ordine.

Da latitante è riuscito ad avere due figli: una femmina e un maschio.

Come riportato dal Messaggero, le notizie sulla sua vita arrivano dai racconti dei collaboratori: Matteo Messina Denaro sarebbe appassionato di puzzle e di dolci, alcuni raccontano che sarebbe stato sottoposto a un intervento chirurgia plastica al volto per non essere riconoscibile. Altri dicono che si sia fatto rimodellare i polpastrelli per cancellare le impronte digitali.

La condanna all’ergastolo

Matteo Messina Denaro è stato condannato all’ergastolo per decine di omicidi, tra cui :

  • Giuseppe Di Matteo, il figlio del pentito strangolato e sciolto nell’acido dopo quasi due anni di prigionia;
  • le stragi del 1992, costate la vita ai giudici Falcone e Borsellino;
  • gli attentati del 1993 a Milano, Firenze e Roma.

Matteo Messina Denaro arrestato, da Sergio Mattarella a Giorgia Meloni: le reazioni dei politici italiani Fonte foto: Ufficio Stampa Carabinieri
Matteo Messina Denaro arrestato, da Sergio Mattarella a Giorgia Meloni: le reazioni dei politici italiani
,,,,,,,,