,,

Alberto Antonello si sveglia dal coma, trasferito a Castelfranco

Subito sveglio il 19enne ha chiesto della ragazza morta nell'incidente di Halloween

Il suo primo pensiero è stato per la fidanzata: Alberto Antonello, il 19enne rimasto coinvolto in un incidente stradale nel Veneziano nel quale ha perso la vita la 18enne Giulia Zandarin, si è risvegliato dal coma e ha subito chiesto della ragazza. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, nella giornata di lunedì il giovane ha riaperto gli occhi uscendo da tre giorni di coma farmacologico, indotto dai medici dopo il ricovero nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Mestre.

Al momento nessuno gli ha ancora detto che la fidanzata Giulia non ce l’ha fatta, è morta nel terribile incidente di venerdì scorso a Musile di Piave (Venezia).

Nel pomeriggio è stato trasferito all’ospedale di Castelfranco Veneto. Lo ha reso noto, tramite l’Ansa, l’Azienda Ulss 3 Serenissima, precisando che “al termine della giornata odierna si sono verificate le condizioni per il trasferimento, che ha consentito il riavvicinamento del paziente al domicilio”.

Il dramma dei due ha scosso l’intera comunità di Castelfranco Veneto, dove viveva Giulia, Alberto e le loro famiglie. La città si appresta a piangere la scomparsa di Giulia Zandarin: mercoledì mattina alle 10.30, nella chiesa del Duomo, si terranno i funerali della 18enne.

La famiglia Antonello è nota per il fratello di Alberto, Andrea Antonello, ragazzo autistico diventato famoso grazie al libro di Fulvio Ervas, ‘Se ti abbraccio non avere paura‘, che l’ha portato in tante trasmissioni tv insieme al papà Franco. La vicenda è stata raccontata anche nel film di Gabriele Salvatores “Tutto il mio folle amore, approdato al cinema il 24 ottobre.

Le indagini

Intanto proseguono le indagini: Alberto Antonello, che era alla guida dell’auto, è indagato per omicidio stradale. Dai primi accertamenti è emerso che il giovane aveva un tasso alcolemico di 0,76 gl. Spetterà agli esami tossicologici e alla perizia tecnica che arriveranno nei prossimi giorni chiarire la dinamica dell’incidente.

Papà Franco Antonello nei giorni scorsi aveva difeso il figlio: “Come si può bollare come delinquente un ragazzo di 19 anni per una canna? Come si può dimenticare tutto ciò che di buono ha fatto fino a questo momento per un errore, per un colpo di sonno?”.

VIRGILIO NOTIZIE | 05-11-2019 18:40

antonello-alberto Fonte foto: Ansa
,,,,,,,