,,

Crisi di Governo: Zingaretti raccoglie la sfida e attacca Di Maio

Il segretario del PD lancia un appello a Matteo Renzi per ritrovare l'unità interna al partito

Il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti sul suo profilo Facebook si è detto pronto ad andare alle elezioni anticipate auspicate da Matteo Salvini, qualora la crisi di governo dovesse concretizzarsi e risultare in una caduta dell’esecutivo: “Siamo pronti alla sfida. Nelle prossime elezioni non si deciderà solo quale Governo ma anche del destino della nostra democrazia, della collocazione internazionale del nostro Paese. Il PD chiama a raccolta tutte le forze che intendono fermare idee e personaggi pericolosi. Da subito tutti al lavoro, insieme, per far vincere l’Italia migliore”.

E ancora: “L’incubo di questo Governo sta finendo. È il fallimento di Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Con quale faccia si presentano a fare campagna elettorale? Tutti al lavoro per voltare pagina! Per amore dell’Italia”.

In diretta da Reggio Emilia il presidente della Regione Lazio non ha nascosto le divisioni interne al PD, e ha voluto lanciare un appello all’unità, come riporta La Repubblica: “Dico a Matteo Renzi: aiuta, dai una mano. È legittimo che fai politica, sei una risorsa. Aiutaci a vincere le elezioni al prossimo appuntamento elettorale. Abbiamo il dovere di non permettere mai più che quelli che hanno vinto il 4 marzo tornino al Governo, abbiamo il dovere di lasciare ai nostri figli e nipoti un paese migliore“.

Nicola Zingaretti ha replicato anche a Luigi Di Maio, che nella serata di giovedì ha dichiarato, accodandosi a quanto scritto dal compagno di partito Alessandro Di Battista: “C’è una riforma a settembre, fondamentale, che riguarda il taglio definitivo di 345 parlamentari. È una riforma epocale, tagliamo 345 poltrone e mandiamo a casa 345 vecchi politicanti. Se riapriamo le Camere per la parlamentarizzazione, a questo punto cogliamo l’opportunità di anticipare anche il voto di questa riforma, votiamola subito e poi ridiamo la parola agli italiani. Il mio è un appello a tutte le forze politiche in parlamento: votiamo il taglio di 345 poltrone e poi voto”.

La risposta del segretario PD è stata chiara: “Dico a Luigi Di Maio: non ricominciate con i trucchetti per rimanere incollati alla poltrona. Se non c’è un Governo, bisogna ridare la parola agli italiani subito. Metto la firma sul fatto che, dopo il taglio dei parlamentari, ci sarà qualcuno che chiederà un altro provvedimento e poi un altro e un altro ancora”.

VIRGILIO NOTIZIE | 08-08-2019 22:57

Tav in Senato, alta tensione nel Governo: tutte le dichiarazioni Fonte foto: ANSA
Tav in Senato, alta tensione nel Governo: tutte le dichiarazioni
,,,,,,,