,,

Zaia contro il Governo, polemica sull'ordinanza per passeggiare

Il governatore del Veneto ha dichiarato di essere usato come un "parafulmine", e che ordinanze come la sua sono presenti in ogni Regione

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, nella ordinaria conferenza stampa sull’emergenza coronavirus, ha difeso la decisione di emanare ordinanze che sono apparse in contrasto con le decisioni prese dal Governo con il nuovo Dpcm del 26 aprile.

Riguardo l’attuale conflitto tra il decreto dell’esecutivo e l’ordinanza del Veneto riguardo le passeggiate, ha precisato, “il rischio di sanzioni c’è sempre. Dico a tutti” i membri delle forze dell’ordine “di mettersi una mano sulla coscienza, se multiamo la gente perché cammina“.

Zaia: “Bisogna dare risposte a parrucchieri ed estetisti”

“Nel momento in cui si vede la necessità di dare risposte ai cittadini, soprattutto il sottoscritto, che è il loro rappresentante, non si può girare dal’altra parte. Abbiamo ad esempio una categoria importante della nostra economia, che sono parrucchiere, barbieri ed estetiste, che hanno diritto al rispetto e a delle risposte”, ha detto in diretta streaming.

Zaia, Regione Veneto: “Non escludo altre ordinanze”

“Non posso accettare che si dica che i veneti sono irresponsabili, sono persone per bene. Chi sbaglia si assumerà l’aggravamento della condizione sanitaria del proprio territorio”, ha dichiarato, secondo quanto riporta l’Ansa. “Non escludo altre ordinanze“, ha annunciato il governatore, precisando che quanto fatto “non è un atto sovversivo”.

“Le cose che facciamo noi come ordinanze sono le stesse che stanno facendo regioni dello stesso colore politico del Governo”, ha precisato Luca Zaia. “Perché dobbiamo diventare i parafulmini di chi vuole solo avere visibilità?”.

“Ormai abbiamo capito che i problemi di questo Paese sono in Veneto”, ha sottolineato criticamente, come riporta l’Ansa. “Non ho bisogno di visibilità, non ho voglia di fare scalate nazionali. Lasciateci lavorare in pace”.

Zaia al Governo: “Impugnate le ordinanze delle altre Regioni”

Il presidente del Veneto ha poi sfidato il ministro Francesco Boccia, dicendo che il Governo “ha l’obbligo della vigilanza, di intervenire impugnando le ordinanze. Ma lo deve fare con tutti quelli che le hanno fatte. Non si fa per colore politico, si fa per ordinanza”.

Zaia sulle messe: “Governo si metta mano sulla coscienza”

Riguardo le funzioni religiose, “stiamo valutando tutti gli aspetti. Spero che il Governo si metta una mano sulla coscienza e trovi una soluzione dopo la figuraccia che è stata fatta”.

VirgilioNotizie | 28-04-2020 14:12

Coronavirus, il grafico della Protezione civile del 27 aprile Fonte foto: Ansa
Coronavirus, il grafico della Protezione civile del 27 aprile
,,,,,,,