,,

Willy ucciso a Colleferro, 20 minuti di botte: la ricostruzione

Cosa è successo la notte in cui è morto Willy Monteiro Duarte, il 21enne ucciso a calci e pugni a Colleferro

Willy Monteiro Duarte, il 21enne ucciso a Colleferro a calci e pugni, è morto dopo un pestaggio durato 20 minuti. A scriverlo è ‘La Repubblica’, secondo cui si starebbe aggravando la posizione dei quattro giovani arrestati, cioè Mario Pincarelli, di 22 anni, Francesco Belleggia di 23, e i fratelli Marco e Gabriele Bianchi (24 e 26 anni), e di un quinto amico, al momento solo indagato.

Per uno dei quattro, inoltre, si profilerebbe il cambio del capo d’imputazione: da omicidio preterintenzionale a volontario.

Due testimoni avrebbero raccontato di averlo visto colpire Willy, già fiaccato dalle percosse, prima con un calcio alla pancia e poi un pugno alla testa.

Willy Monteiro Duarte: la svolta dall’autopsia

La svolta sul caso della morte di Willy Monteiro Duarte è attesa dall’autopsia. I primi esami medici hanno evidenziato una frattura delle ossa del capo e un’emorragia all’addome.

Willy ucciso a Colleferro: il motivo della lite

Allo stato attuale, il movente della discussione che ha poi portato al pestaggio e alla morte di Willy Monteiro Duarte, si legge su ‘La Repubblica’, è ricollegato a un like sul profilo Instagram di una ragazza del gruppo rivale.

I carabinieri di Colleferro, però, lavorano per capire se e cos’altro ci sia dietro.

I racconti delle sei persone ascoltate in caserma, tra testimoni e protagonisti della rissa, sembrano al momento escludere altre piste come la droga o un debito non saldato.

Willy Monteiro Duarte: cosa è successo

Sempre ‘La Repubblica’ riporta il racconto dell’ex compagno di scuola di Willy, cioè il giovane che il 21enne ha difeso prima di essere pestato fino alla morte.

Queste le sue parole: “La discussione tra me e loro è cominciata nella pizzeria ‘Duedipicche’, poi nelle scale davanti al locale e infine è proseguita di fronte ai giardini. Quando ero lì è arrivato Willy con altri suoi tre amici di Paliano”.

Poi ha aggiunto: “Si è messo tra me e loro. Mi stavano picchiando quando ho visto Willy. Ha cercato di mettere pace, ma hanno iniziato a picchiarlo in quattro”.

E ancora: “Uno di loro lo ha colpito con un calcio alla pancia micidiale. Willy è rimbalzato a terra, facendosi forza sulle braccia ha provato a rialzarsi, ma quello gli ha subito sferrato anche un pugno sulla testa, atterrandolo. L’ho visto bene. Uno di quelli ha atterrato Willy con un vero colpo di karate. Lì nel giardino era buio. Non si vedeva bene in volto, ma quel colpo l’ho visto bene”.

COSA SONO LE MMA, LO SPORT DEI FRATELLI ARRESTATI NEL CASO WILLY

Queste, invece, le parole del comandante della stazione di Colleferro, intervenuto dopo il pestaggio: “Quando sono arrivato giù quel ragazzo era già a terra, ferito, ma ancora cosciente. Gli ho accarezzato il volto e gli ho detto di stare tranquillo perché i soccorsi sarebbero arrivati presto. Poi ho fatto qualche domanda ai presenti, che mi hanno mostrato una foto degli aggressori, dato modello e targa del Suv. Ho capito da subito chi si trattava, ho chiamato i soccorsi e diramato le informazioni alle pattuglie di zona”.

Willy ucciso a Colleferro: il retroscena dei lampioni

Secondo ‘La Repubblica’, le luci del parchetto in cui è avvenuto il pestaggio ai danni di Willy si sarebbero spente durante la lite. Il giardiniere, il giorno successivo, avrebbe scoperto che sono state disattivate.

Willy Monteiro Duarte: spunta un video

Secondo quanto riferisce il ‘Corriere della Sera’, a chiarire la dinamica di quanto accaduto la sera in cui è morto Willy Monteiro Ruarte ci sarebbe anche un video ora all’esame dei carabinieri e della Procura di Velletri.

VIRGILIO NOTIZIE | 08-09-2020 07:29

Willy ucciso a Colleferro, 20 minuti di botte: la ricostruzione Fonte foto: Ansa
,,,,,,,