,,

Volontari pagano la patente, ex clochard riesce a trovare lavoro

L'associazione Fraternità Bindi di Arezzo aiuta gli emarginati regalando loro una cosa più importante dei soldi: una seconda opportunità

Per decidere di riprendere in mano le redini della propria vita ci vuole innanzitutto coraggio, ma anche una mano tesa, abbastanza salda da poter fare da leva: ad Arezzo questa mano è quella della Fraternità Federico Bindi, che aiuta gli emarginati a rimettersi in pista, a trovare una casa ed un lavoro e soprattutto a riconquistare la dignità.

E’ andata proprio così per un ospite della comunità, ex clochard, al quale è stato dato prima un tetto sulla testa e poi la possibilità di crearsi un’autonomia trovando lavoro: un lavoro per il quale serviva una patente di guida che l’uomo non aveva e che è stata finanziata dalla Fraternità. Un sistema che funziona dando gli strumenti necessari a chi vuole rimettersi in sesto, senza consegnare denaro in mano ma regalando qualcosa di più importante: una seconda chance.

La storia è stata raccontata da Arezzonotizie tv, che ha realizzato un servizio riportando le parole della presidentessa della Fraternità, Maria Grazia Bindi: “Noi soldi in mano per principio non ne diamo, però li aiutiamo (gli ospiti della comunità, n.d.r) attraverso altre soluzioni: ad esempio se qualcuno trova un lavoro, anche precario, in un’altra parte d’Italia, noi per deliberazione del direttivo paghiamo il viaggio per raggiungere il posto di lavoro. Miriamo all’emancipazione che viene dal lavoro, il lavoro ti dà quella sicurezza che ti permette poi di proseguire nel percorso di ricostruzione della persona

Una storia di solidarietà che funziona, un modello che dovrebbe essere ripreso anche in altre parti d’Italia.

 

 

VirgilioNotizie | 25-06-2019 11:25

Clochard trova lavoro ad Arezzo Fonte foto: Per gentile concessione di Arezzonotizie
,,,,,,,