,,

Visite fiscali per i dipendenti pubblici in malattia, cambiano le fasce orarie: la nota dell’INPS

Con una nota rilasciata sul proprio sito, l’INPS ha comunicato l’adeguamento degli orari per le visite fiscali ai dipendenti pubblici in malattia

Pubblicato il:

A seguito della sentenza del Tribunale amministrativo regionale (TAR) del Lazio, l’INPS ha comunicato, tramite una nota sul proprio sito, comunicato l’adeguamento degli orari per le visite fiscali ai dipendenti pubblici in malattia. Ecco quali sono le novità.

INPS, nuovi orari per le visite fiscali

Con una sentenza pubblicata lo scorso 3 novembre, il Tribunale amministrativo regionale (TAR) del Lazio ha imposto alle amministrazioni il cambio delle fasce orarie di reperibilità per i dipendenti pubblici che aspettano una visita fiscale.

La sentenza ha come obiettivo l’armonizzazione delle fasce orarie di reperibilità per tutti i dipendenti pubblici sottoposti a visite mediche di controllo domiciliare in caso di assenza per malattia.

Nuovi orari per le visite fiscali ai dipendenti pubblici: la nota dell’INPSFonte foto: ANSA
In seguito a una sentenza del TAR del Lazio, l’INPS ha modificato gli orari per le visite fiscali ai dipendenti pubblici in malattia

L’INPS ha quindi ridotto le fasce orarie esistenti, adeguandole a quelli dei lavoratori privati.Queste modifiche sono state comunicate dall’Istituto nazionale della previdenza sociale tramite il messaggio numero 4640, pubblicato nella giornata di ieri, venerdì 22 dicembre, sul proprio sito.

La comunicazione dell’INPS sulle visite fiscali

Come spiegato nella nota dalla stessa INPS, “la definizione delle fasce orarie di reperibilità per i lavoratori del settore pubblico in malattia discende da un articolato susseguirsi di norme legislative”, che vengono poi elencate.

Nello specifico, le norme riguardano i decreti ministeriali n. 33/1985 e n. 170 del 15 luglio 1986, il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, il decreto ministeriale n. 206 del 18 dicembre 2009, e il decreto ministeriale n. 206/2017, “nel quale sono fissati i limiti e i criteri cui deve attenersi il Governo nell’esercizio del potere regolamentare in materia”.

Alla luce quindi “di un nuovo decreto ministeriale (o dell’eventuale riforma della sentenza n. 16305/2023 del TAR Lazio), sentito il Dipartimento della Funzione pubblica, in virtù del principio di armonizzazione”, l’INPS dispone che , le visite mediche di controllo domiciliare nei confronti dei lavoratori pubblici, fino a nuove disposizioni, dovranno essere effettuate nei seguenti orari: dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 17 alle 19 di tutti i giorni (compresi domeniche e festivi).

I vecchi orari per le visite fiscali

Prima della sentenza che ha imposto all’INPS la modifica delle fasce orarie, le visite fiscali per i dipendenti pubblici in malattia erano definite dall’articolo 3 del decreto n. 206 del 17 ottobre 2017 del ministro della Semplificazione e della pubblica amministrazione.

Secondo la precedente normativa, in caso di “assenza per malattia, le fasce di reperibilità dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni sono fissate secondo i seguenti orari: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. L’obbligo di reperibilità sussiste anche nei giorni non lavorativi e festivi”.

La sentenza del TAR del Lazio è giunta in seguito a un ricorso presentato dal Sindacato Uil Pubblica amministrazione penitenziaria e da alcuni membri della Polizia penitenziaria, che hanno evidenziato la disparità di trattamento tra i dipendenti pubblici e quelli del settore privato riguardo alle fasce orarie di reperibilità per le visite fiscali in caso di malattia.

visita-medica Fonte foto: 123RF

Il benessere della tua mente è importante

,,,,,,,,