,,

Venezia a pagamento, perché dal 2023 i turisti dovranno pagare una tassa: costo e chi sarà esentato

Dal 2023, coloro che vorranno entrare a Venezia senza pernottarvi dovranno pagare una tassa

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Se ne parla da tempo, ma ora pare che il dado stia per essere davvero tratto: i turisti che vorranno entrare a Venezia senza pernottare dovranno pagare un ticket, vale a dire un contributo di accesso. Lo hanno annunciato l’assessore comunale al turismo, Simone Venturini, e quello al Bilancio, Michele Zuin. Chi ha intenzione di fare una tappa ‘mordi e fuggi’ in laguna nei prossimi mesi, però, può tirare un sospiro di sollievo: la ‘tassa‘ scatterà dal 16 gennaio 2023.

Ticket Venezia, chi dovrà pagarlo

La decisione scaturisce dalla ferma intenzione dell’amministrazione locale di salvaguardare il capoluogo veneto dal cosiddetto “turismo selvaggio”. Ma chi dovrà pagare il ticket? Tutti coloro che arrivano da fuori città e che non pernottano nella Città Antica o nelle isole Minori.

In breve si tratta di una specie di biglietto di ingresso valido per tutte le persone fisiche indipendentemente dal mezzo di trasporto con cui si sbarca in laguna. Nessun numero chiuso, quindi, ma solo un tentativo di disincentivare il turismo ‘mordi e fuggi’.

Venezia, il contributo d'accesso.
Piazza San Marco, Venezia

Come si potrà avere il ticket per accedere a Venezia

“Grazie a questa modifica di potranno perseguire al meglio delle effettive politiche di gestione dei flussi turistici”, rendono noto dal comune, aggiungendo che ci saranno anche sconti su vari servizi, tipo trasporti pubblici e musei per chi prenota. Su quest’ultimo nodo è già prevista  una sperimentazione: quest’estate chi prenota in anticipo potrà sfruttare i biglietti dei servizi comunali in sconto.

Il sistema si avvarrà di un portale web che sarà online da fine 2022 e attraverso il quale si potrà prenotare la propria presenza e pagare il ticket di ingresso alla città. La piattaforma rilascerà un Qr-Code a tutti a partire dai 6 anni compiuti, da esibire poi in caso di controlli.

Venezia, chi è esente dal ticket

Naturalmente non ci sarà alcun ticket da pagare per i residenti e i domiciliati. Esenti anche coloro che hanno una seconda a casa a Venezia, chi ci lavora e fa il pendolare, gli studenti e chi è nato nel capoluogo veneto.

Anche i disabili e gli accompagnatori, chi deve accedere per prestazioni sanitarie o competizione sportive e chi vorrà far visita ai parenti fino al terzo grado non dovrà effettuare alcun esborso. Niente ticket anche per i residenti in Veneto, ma con soglie massime di ingresso.

Costo del ticket e le multe previste

Quanto costerà il ticket? Si andrà da un minimo di 3 euro a un massimo di 10 euro a persona. Il Comune stabilirà soglie di entrata oltre le quali il costo salirà. In particolare, gli aumenti riguarderanno quei giorni o periodi dell’anno particolari dove ci si attende un flusso maggiore turistico. Inoltre il costo dipenderà anche dalle fasce orarie: ad esempio si sta pensando di non applicare il contributo di accesso alla sera.

Infine è prevista la possibilità di un costo forfettario per i passeggeri di navi da crociera.

Chi sarà pescato senza il biglietto di ingresso e chi dichiarerà il falso per accedere agli sconti rischia sanzioni amministrative da 50 a 300 euro. I controlli saranno affidati a ditte esterne con bandi comunali.

venezia-ticket Fonte foto: ANSA
,,,,,,,