,,

Vaccino Covid obbligatorio, la strategia del Governo: quando si decide

Andrea Costa, sottosegretario alla Salute, ha fatto il punto su Green pass e vaccino obbligatorio per fermare il coronavirus

Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa è “convinto che il Green pass possa e debba essere esteso ulteriormente” e che “l’obbligo della vaccinazione anti Covid non sia un tabù“. Lo ha dichiarato nel corso della trasmissione Restart 264 su Cusano Italia Tv, rivelando il piano del Governo sul futuro per fermare la pandemia, a fronte di una larga platea di persone non ancora immunizzate.

“Abbiamo intrapreso una strada che inizialmente non ha previsto l’obbligo”, confidando nel “senso di responsabilità dei cittadini, che è stato ampiamente dimostrato”. Tuttavia bisogna proseguire e “completare questo percorso“, anche attraverso l’obbligo vaccinale, che “non deve essere un tabù per il Governo”.

Questa misura è stata già introdotta per i sanitari, e potrebbero presto aggiungersi nuove categorie professionali o nuove fasce di età. “Dobbiamo ragione per obiettivi“, ha spiegato il sottosegretario.

Andrea Costa ha rivelato che “entro fine settembre” l’esecutivo valuterà il da farsi, e “se sarà necessario” potrebbe decidere per l’estensione dell’obbligo a una più ampia platea di italiani “per mettere in sicurezza il Paese”.

Tuttavia, ha sottolineato, tale decisione “deve essere l’extrema ratio“, e la strategia deve essere quella di proseguire con la campagna di sensibilizzazione, “consapevoli che molti cittadini che oggi hanno paura possono essere convinti con messaggi chiari e rassicuranti“.

Imporre il vaccino anti Covid obbligatorio potrebbe infatti portare a un’ulteriore “radicalizzazione dello scontro” e si tratterebbe dell’ultima spiaggia per Palazzo Chigi a fronte di milioni di italiani, in particolare tra gli over 50, che hanno deciso di non vaccinarsi.

Il sottosegretario alla Salute si è anche espresso sull’estensione del Green pass. “Nella Pubblica amministrazione può essere uno strumento importante per far tornare a lavorare tanti concittadini in presenza“, e dunque “relazioni umane, condivisione del lavoro e servizi efficaci ed efficienti per i cittadini”.

“Lo smart working ha rappresentato uno strumento straordinario nel periodo più buio del nostro Paese, ma ora dobbiamo incrementare il lavoro in presenza, e il Green pass può permetterci di raggiungere questo obiettivo”, ha concluso Andrea Costa.

VirgilioNotizie | 14-09-2021 10:47

Obbligo green pass, nuovo decreto: cosa cambia per tamponi e sanzioni Fonte foto: ANSA
Obbligo green pass, nuovo decreto: cosa cambia per tamponi e sanzioni
,,,,,,,