,,

Ultras ucciso, il Tar ha deciso: niente funerali pubblici

La moglie di Piscitelli: "Non andremo alla funzione, nessuno vada"

Il Tar ha respinto il ricorso della famiglia di Fabrizio Piscitelli, l’ultras della Lazio ucciso nei giorni scorsi, contro l’ordinanza del questore di Roma che vieta i funerali pubblici “per motivi di ordine e sicurezza”.

Lo ha detto all’Ansa Rita Corazza, la moglie del tifoso laziale noto come ‘Diabolik’: “Alla luce della decisione del Tar ribadisco che tutta la famiglia di Fabrizio domani (13 agosto) non si presenterà al funerale. Ad oggi non ho neanche fatto il riconoscimento della salma di mio marito”.

“Faccio appello a tutte le persone che gli volevano bene e intendevano dargli l’ultimo saluto di non presentarsi domani all’alba al cimitero Flaminio. Solo così possiamo rendergli giustizia e stringerci insieme in un unico dolore”, ha aggiunto la moglie dell’ultras ucciso.

Intanto sul fronte delle indagini gli inquirenti sono al lavoro per cercare di ricostruire le circostanze dell’omicidio e risalire all’identità del killer. Finora, secondo quanto riferisce Repubblica, dalle deposizioni rese da amici e familiari di Piscitelli non sarebbero emersi elementi utili alle indagini. Decisivo potrebbe essere l’esame dei tre cellulari dell’uomo, per il quale però serve tempo: i telefonini sono infatti bloccati da un codice di accesso.

VIRGILIO NOTIZIE | 12-08-2019 19:09

Ultras Lazio ucciso nel parco: chi era Diabolik Fonte foto: ANSA
Ultras Lazio ucciso nel parco: chi era Diabolik
,,,,,,,