,,

Uccise le sorelle in un incendio, arrestato 68enne. L'accusa

Un uomo di 68 anni è stato arrestato dai carabinieri perché ritenuto responsabile dell'omicidio volontario aggravato delle sue sorelle

Un uomo di 68 anni è stato arrestato dai carabinieri perché ritenuto responsabile dell’omicidio volontario aggravato delle sue sorelle, avvenuto il 13 aprile 2015, in seguito a un incendio appiccato all’abitazione a Cerro Maggiore (Milano) dove le due donne dormivano. Secondo quanto riporta l’Ansa, l’uomo avrebbe ucciso le sorelle poiché temeva di perdere l’eredità in favore dei nipoti.

Nell’ordinanza di arresto del gip, riportata dall’Ansa, si legge: “Con il testamento di Carla (una delle due sorelle, ndr) e con la paventata sua intenzione di lasciare il proprio cospicuo patrimonio ai nipoti, nulla sarebbe spettato all’Agrati che, non essendo legittimario in quanto fratello, non avrebbe potuto rivendicare alcunché”.

“Si spiega quindi – si legge ancora nell’ordinanza – l’urgenza dell’Agrati di togliere di mezzo Carla ma anche la sorella Maria, sempre per questioni ereditarie (si rammenta che costei era titolare di un patrimonio comunque ragguardevole seppur inferiore a quello di Carla) o per controversie legate ai fondi, giovandosi della prima occasione utile quando, a poco più di una settimana dalla morte del fratello premorto, Maria si trovava a dormire a casa dei fratelli nel fine settimana”.

Dai dati raccolti durante le indagini è emerso che l’uomo è responsabile di “avere cagionato la morte delle sorelle”, “appiccando il fuoco in più punti dell’abitazione”.

Nel capo d’imputazione è aggiunto, come riportato dall’Ansa: “Con le aggravanti di aver agito in danno di persona stabilmente convivente con mezzo insidioso e con premeditazione, con abuso di relazioni di coabitazione e di ospitalità, in tempo di notte e profittando della minorata difesa delle anziane sorelle che venivano sorprese nel sonno”.

Per il gip di Busto Arsizio, l’uomo aveva come intento “non quello di incendiare la casa, cosa di per sé già penalmente rilevante, ma di cagionare la morte delle sorelle mediante l’incendio”.

Il gip ha concluso: “Illeso uno, morte entrambe intrappolate le altre. Agrati non solo non ha svegliato le sorelle, ma ha anche ritardato quanto più possibile di dare l’ allarme“.

VIRGILIO NOTIZIE | 10-11-2019 14:54

carabinieri-auto Fonte foto: ANSA
,,,,,,,