,,

Treviso, insulti razzisti e botte a una benzinaia

La donna aveva richiamato un automobilista con un colpo di clacson

Una benzinaia, a Treviso, è stata insultata e aggredita fisicamente per un colpo di clacson. La donna, 35 anni di origine marocchina, è impiegata in una stazione di servizio a Vazzola ed è stata attaccata da un automobilista perché, all’ingresso del piazzale del posto in cui lavora, ha suonato il clacson per richiamarlo per una manovra scorretta.

Come riporta il Corriere della sera, l’episodio è avvenuto venerdì. La 35enne ha suonato all’automobilista che si stava dirigendo ad alta velocità con un furgone verso il bar poco distante. Il conducente, un 49enne, non ha gradito il richiamo, è sceso dal mezzo ed ha iniziato a inveire contro la donna con insulti sessisti e razzisti per poi prenderla a schiaffi e calci. “Perché suoni? Negra di m…? Tornatene in Marocco” avrebbe gridato l’uomo sferrandole un calcio a un ginocchio e un ceffone al viso che le ha strappato un orecchino facendola sanguinare.

La benzinaia è dovuta andare al Pronto Soccorso e sull’episodio stanno indagando i carabinieri.

VirgilioNotizie | 16-07-2019 11:29

ambulanza-4 Fonte foto: ANSA
,,,,,,,