,,

Veneto, bambina di 9 anni aggredita da un compagno a scuola

Il neuropsichiatra: "Violenza pura e non bullismo, è un caso anomalo"

Presa a calci da un coetaneo compagno di classe, una bambina di 9 anni è andata al pronto soccorso, dove peraltro è rimasta per 18 ore. L’episodio è accaduto nella zona di Villafranca, in Veneto, e viene raccontato da Ansa che, a sua volta, riprende quanto riportato da L’Arena di Verona. Secondo il racconto del giornale veneto, quindi, la piccola sarebbe stata da tempo oggetto delle vessazioni del compagno, che la madre sostiene avere più volte segnalato alle maestre, senza ottenere una modifica del comportamento. Nell’ultimo episodio, il bambino avrebbe spinto da dietro la piccola mentre lei si stava lavando le mani in bagno, per poi picchiarla al corpo e alla testa e proseguire con un calcio in mezzo alle gambe.

Trascorso il lungo tempo al pronto soccorso, adesso, dice “Il Corriere del Veneto”, la bambina, che ha anche ricevuto la visita del sindaco del paese, sta bene. L’Arena dà seguito alla propria notizia pubblicando l’opinione del neuropsichiatra infantile Franco Pajno Ferrara, secondo il quale l’episodio, se sarà confermato nella dinamica, non sarebbe classificabile come bullismo ma come violenza pura, rappresentando un caso assolutamente eccezionale nei rapporti tra i bambini.

Gli atti del pronto soccorso, dice Ansa, sono stati trasmessi alla Procura. Anche la dirigente scolastica dell’istituto dove sono avvenuti i fatti sta eseguendo le proprie verifiche, anche se, sempre all’Arena, dichiara: «Ho l’impressione che si stiano facendo dei discorsi un po’ eccessivi», rispetto ai fatti effettivamente avvenuti. La preside difende le insegnanti, che si sarebbero comportate «in maniera corretta», anche mercoledì, giorno in cui è avvenuto il fatto.

VIRGILIO NOTIZIE | 13-04-2019 19:21

aggressione-tra-minorenni Fonte foto: ANSA
,,,,,,,