,,

Trova dei buoni fruttiferi nei rifiuti, pensionato diventa ricco

Pensava di aver trovato dei francobolli, e invece erano molto di più: dei buoni dal valore di 1,5 milioni di euro

Gaetano Cannavò, pensionato 83enne di Messina, pensava di aver trovato vicino a un cassonetto della spazzatura alcuni documenti con dei francobolli, di cui ha una collezione. E invece erano buoni fruttiferi degli anni Trenta e Quaranta, per il valore complessivo di 1,5 milioni di euro. La notizia è riportata da Tgcom24.

Incredulo, l’uomo ha denunciato il ritrovamento, ma nessuno degli eredi a cui appartenevano i buoni ne ha reclamato la proprietà, ed è così diventato titolare dei buoni. In sua vece, due avvocati sono stati da lui incaricati per riscuotere la somma e tutelare i suoi interessi presso Poste italiane e Ministero delle Finanze, gli enti tenuti a onorare i debiti esistenti anche prima dell’istituzione della Repubblica.

Come riferisce Tgcom24, in Italia sono circa 10 milioni i titoli di credito antichi ancora riscuotibili, poiché il termine prescrizionale di 10 anni, oltre i quali il buono non è più valido, sono da contare soltanto dal momento in cui il titolare ne reclama la proprietà. Ciò significa che Gaetano Cannavò ha il diritto di riscuotere la somma fino a dieci anni dopo il ritrovamento effettivo dei buoni, e non dalla loro emissione.

VIRGILIO NOTIZIE | 12-02-2019 15:26

Pensionato ricco Fonte foto: Ansa
,,,,,,,