,,

Trapani: arrestati Paolo Arata e il figlio

L'ex consulente della Lega per l'energia è accusato di corruzione e autoriciclaggio. In manette anche l'imprenditore Vito Nicastri

All’alba di oggi sono stati arrestati Paolo Arata, ex deputato di Forza Italia ed ex consulente della Lega per l’energia, e il figlio Francesco. Sono accusati, secondo quanto riporta “La Repubblica”, di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni, con l’aggravante mafiosa. L’arresto è stato disposto dal gip di Palermo Guglielmo Nicastro su richiesta della Dda guidata da Francesco Lo Voi.

Secondo la Direzione distrettuale antimafia di Palermo gli Arata sarebbero soci occulti dell’imprenditore trapanese dell’eolico Vito Nicastri, considerato dagli inquirenti vicino al boss mafioso Matteo Messina Denaro, latitante da anni. Anche Nicastri, già in carcere per concorso esterno in associazione mafiosa, è finito in manette nell’operazione di questa mattina, assieme al figlio Manlio. Agli arresti domiciliari anche Alberto Tinnirello, dirigente regionale nell’assessorato all’Energia.

Arata padre e figlio sono indagati da mesi per un giro di mazzette nella Regione Sicilia in cui sarebbe coinvolto il ‘re dell’eolico’ Vito Nicastri, considerato dagli investigatori uno dei finanziatori di Messina Denaro. Due mesi fa le perquisizioni, dalle quali sarebbero emersi importanti riscontri alle indagini condotte dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dal sostituto Gianluca De Leo.

Una parte dell’inchiesta era finita a Roma per il coinvolgimento dell’ex sottosegretario alle Infrastrutture leghista Armando Siri. Nelle intercettazioni si parlava di una presunta mazzetta pagata a Siri da Arata, professore di ecologia ed ex deputato di Forza Italia scelto da Salvini due anni fa per collaborare alla stesura del programma della Lega. In cambio dell’inserimento nel Def di emendamenti, poi mai approvati, su incentivi nel settore eolico, in modo da favorire Nicastri.

VIRGILIO NOTIZIE | 12-06-2019 08:21

arata Fonte foto: Ansa
,,,,,,,