Tra supereuro e Trump,Bce e Fed al bivio

Da giovedì Jackson Hole, poi riunione Bce, attesa voto Germania

(ANSA) – ROMA, 20 AGO – I timori per il super euro, che rischia di frenare la crescita dell’economia, e l’incertezza legata all’amministrazione Trump, che perde pezzi giorno dopo giorno. Sono queste le maggiori incognite che pesano sulle future mosse delle banche centrali europea e statunitense. Un bivio di fronte al quale Bce e Fed dovranno fare delle scelte sia sul fronte dei tassi sia su quello delle misure per sostenere ripresa e occupazione: e se è poco probabile che qualche indicazione arrivi già dal simposio di Jackson Hole che inizia giovedì, per Draghi e Yellen si preannuncia un mese fitto di appuntamenti economici e politici destinati ad incidere sui mercati finanziari e quindi anche sulle decisioni da prendere.

Gli occhi dei mercati sono tutti puntati sul consueto simposio dei banchieri centrali nel Wyoming, dove Draghi e Yellen interverranno venerdì. Invece i board di Bce e Fed si riuniranno rispettivamente il 7 e il 20 settembre. Sul versante politico, resta l’attesa per le elezioni federali in Germania del 24.

ANSA | 20-08-2017 19:23