,,

“Sono Timmothy Pitzen”. Ma il test del DNA lo smentisce

L'adolescente aveva raccontato di essere stato tenuto prigioniero. Ma nonostante la somiglianza, non si tratta del bimbo scomparso otto anni fa

“Sono Timmothy Pitzen, mi hanno rapito e tenuto prigioniero”, aveva dichiarato alle autorità del Kentucky l’adolescente trovato a vagare per le strade di Newport. Ma il test del DNA lo ha contraddetto.

Il ragazzo, ascoltato anche dall’FBI, aveva affermato di essere scappato da due uomini che lo avrebbero tenuto prigioniero per sette anni, dalla sua sparizione nel 2011.

“I risultati del DNA hanno rivelato che la persona in questione non è Timmothy Pitzen. Le indagini vanno avanti per accertarne l’identità” hanno dichiarato gli inquirenti, come si legge su Il Messaggero. La nonna del bimbo sparito otto anni fa, Alana Pitzen, si era detta fiduciosa. Anche per via della somiglianza tra il misterioso ragazzo e il nipote. Poi è arrivata la delusione.

Il giallo del bambino scomparso

Nel 2011 il piccolo Tim era stato prelevato da scuola da sua madre. Senza avvertire l’ex compagno, aveva portato il bambino, di sei anni, in un viaggio di oltre 800 km. I due avevano visitati parchi e zoo. La madre era stata trovata morta dopo pochi giorni in un motel, e aveva lasciato un biglietto dicendo che suo figlio si trovava al sicuro, con persone fidate.

Di Timmothy Pitzen non si è più saputo nulla. Fino a ieri, quando l’adolescente, in stato confusionale, aveva chiesto aiuto a una donna. Dopo l’arrivo dei soccorsi, aveva raccontato di essere stato prigioniero per anni in un motel di Cincinnati.

VirgilioNotizie | 05-04-2019 07:56

timmothy pitzen
,,,,,,,