,,

Tangenti: scoppia caso Lara Comi, coordinatrice di Forza Italia

Nell'indagine dei pm della Dda di Milano sarebbe stata coinvolta anche l'europarlamentare di Forza Italia Lara Comi

Dall’indagine dei pm della Dda di Milano sul sistema di corruzione, appalti pilotati e finanziamenti illeciti in Lombardia, sono emersi dei sospetti su alcuni contratti ottenuti da una società affiliata a Lara Comi. Secondo quanto riporta l’Ansa, i contratti sarebbero stati ottenuti grazie all’influenza di Gioacchino Caianello, ex coordinatore di Forza Italia, in favore della società vicina all’europarlamentare.

Durante l’inchiesta, è stato ascoltato dagli inquirenti un primo imprenditore, insieme alla testimone Giulia Martinelli, ex compagna di Matteo Salvini e capo della segreteria politica di Attilio Fontana. Il governatore della Lombardia è invece indagato per abuso di ufficio in relazione a Luca Marsico, suo ex socio, che ha ottenuto un incarico alla Regione.

Scoppia il caso Comi

Il caso Comi è esploso in seguito alla richiesta di misura cautelare avanzata dai pm Silvia Bonardi, Adriano Scudieri, Luigi Furno e dall’aggiunto Alessandra Dolci, in merito al ruolo di Caianiello. Su quest’ultimo ricadrebbe la responsabilità dei rapporti con “tutti gli esponenti apicali del partito a livello regionale”, tra cui anche Mariastella Gelmini e il presidente Fontana. Come riporta l’Ansa, Caianello sarebbe riuscito “ad estendere la sua influenza politica e, parallelamente, quella criminale ben oltre i confini della provincia di Varese”.

Secondo quanto è stato riportato negli atti, l’intervento di Caianello avrebbe garantito alla società di Saronno, riconducibile a Lara Comi, dei contratti di consulenza “per un totale di 38.000 euro dietro promessa di retrocessione di una quota parte agli stessi Caianiello e Zingale”.

Lara Comi ha preso le distanze dalla società in questione, replicando di avere un’unica società, la Premium Consulting, regolarmente denunciata all’interno della dichiarazione di interessi finanziari dei deputati.

Tangenti, indagato Attilio Fontana

L’imprenditore che ha scelto di collaborare alle indagini, fornendo dichiarazioni sul “sistema Caianiello”, si è presentato in procura con un avvocato, sapendo che sarebbe stato indagato per corruzione anche lui. Fontana, invece, si è detto sereno e pronto a offrire la sua versione dei fatti ai pm, forte del fatto di aver agito in trasparenza. Nella sua inchiesta è stata coinvolta Giulia Martinelli, che era stata citata in un’intercettazione da Caianello.

VirgilioNotizie | 10-05-2019 15:28

lara-comi Fonte foto: ANSA
,,,,,,,