,,

Sparatoria in ospedale a Napoli: "Potevano esserci vittime"

Un uomo nascosto dal casco integrale ha sparato diversi colpi nel cortile del pronto soccorso a indirizzo di un 22enne già ferito

Un agguato ha avuto corso, nella notte appena passata, a Napoli, nel cortile dell’ospedale Vecchio Pellegrini, dove, riferisce l’Ansa, un uomo armato di pistola, con la testa coperta da un casco integrale, ha sparato alcuni colpi all’indirizzo di un 22enne che era giunto poco prima, insieme con altri giovani, già con ferite d’arma da fuoco alle gambe che gli avevano causato fratture. I colpi sono stati sparati ad altezza d’uomo nella direzione degli ascensori e della scala di accesso al pronto soccorso.

Il video dell’agguato

L’uomo ha esploso colpi verso la scala del pronto soccorso dove c’erano almeno quattro persone. È quanto emerge dalle immagini della telecamera di sorveglianza acquisite dai carabinieri. Nel video si vede l’uomo armato che corre verso il cortile dell’ospedale e un altro che si alza di scatto e corre verso le scale del pronto soccorso. A quel punto l’aggressore inizia a sparare nonostante la presenza sulla scala di altre persone oltre al suo obbiettivo in fuga.

Le condizioni del bersaglio dell’agguato

L’autore, che, secondo l’agenzia, dovrebbe essere la stessa persona che già aveva ferito il 22enne, ha scavalcato la sbarra di accesso, mentre la guardia giurata all’ingresso era di spalle perché stava soccorrendo il ragazzo giunto per farsi soccorrere. Si è allontanato senza che i proiettili avessero raggiunto nessuno. Ansa spiega che il 22enne ricoverato, le cui iniziali sono V.R., risulta essere già noto alle forze dell’ordine, per reati di piccola entità. Secondo quanto riporta il referto dell’unità di Ortopedia-Traumatologia, dove il ragazzo è ricoverato, nelle cosce sono presenti frammenti di ogiva. In particolare, sempre citando il referto, diramato dall’Ansa, il giovane ha riportato “fratture pluriframmentarie agli arti inferiori. È sveglio, respira spontaneamente, ed è emodinamicamente stabile. Non vi sono inoltre deficit vascolari in atto”.

L’agguato in ospedale raccontato da un infermiere

All’Ansa parla un infermiere presente alla scena: “Una scena mai vista – dice – Alla violenza sono abituato. Spesso i parenti di gente ferita in agguati sfogano la loro rabbia su di noi e sull’ospedale. Quello che è successo stanotte però le ha superate tutte”. Questo è il racconto dell’infermiere: “Eravamo tutti intenti a soccorrere il ragazzo ferito, come sempre con l’aiuto di guardie giurate, quando si è scatenato l’inferno. Si è intravisto un uomo che a volto coperto ha cominciato a sparare verso di noi. Un miracolo che nessuno sia stato colpito. Qui ci sarebbe bisogno di una vigilanza della polizia h24 ma mi rendo conto delle cose che succedono in città che i poliziotti non possono essere dappertutto”.

“Episodio grave e terribile. Intervenga lo Stato”

L’infermiere aggiunge: “Mi fa piacere che subito sia arrivato il vertice dell’Asl a portare solidarietà a chi era presente”. “Non posso pensare di fornire ad infermieri e dottori un camice antiproiettile”, è la dichiarazione di Ciro Verdoliva, commissario straordinario dell’Asl Napoli 1, giunto, appunto, sul posto. Prosegue Verdoliva: “Gente che lavora, che è qui a prestare soccorso non può trovarsi all’improvviso come in una zona di guerra. L’episodio è grave e terribile. Ciò nonostante, gli operatori sono subito tornati al lavoro. Questo afferma ancora la loro professionalità”.

Silvestro Scotti, presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, esprime “solidarietà ai colleghi che questa notte hanno vissuto momenti di paura mentre erano impegnati a fare il proprio lavoro”. Secondo Scotti, l’episodio di questa notte “deve essere stigmatizzato con decisione e deve vedere una forte risposta da parte delle più alte cariche dello Stato, anche del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Tra aggressioni e intimidazioni, si lavora ormai in condizioni proibitive”.

VIRGILIO NOTIZIE | 17-05-2019 10:21

Agguato in ospedale a Napoli. Le immagini Fonte foto: ANSA
Agguato in ospedale a Napoli. Le immagini
,,,,,,,