,,

Sentenza omicidio Vannini: "Marco ucciso di nuovo"

La nuova sentenza per l'omicidio di Marco Vannini ha visto la pena abbassarsi a cinque anni, il commento dell'avvocato della famiglia

“Per i genitori Marco è stato ucciso di nuovo”, a dirlo è l’avvocato Celestino Gnazi legale della famiglia Vannini, commentando la decisione della corte d’Assise d’Appello di Roma che ha ribaltato la sentenza di primo grado nei confronti di Antonio Ciontoli.

Da omicidio volontario, il reato è stato derubricato in omicidio colposo e la pena, per il padre della fidanzata del giovane,  è stata ridotta da 14 a 5 anni. Per il resto della famiglia, invece, è stata confermata la pena a tre anni ciascuno.

I fatti risalgono al maggio del 2015 quando Marco Vannini, allora 21enne, è deceduto a causa di un colpo di pistola nella casa della fidanzata a Ladispoli in provincia di Roma.

Ora è sopraggiunta la nuova sentenza, che ha colpito profondamente la famiglia della vittima tanto che l’avvocato ha aggiunto: “Sentono di aver subito un’ingiustizia. Aspettiamo le motivazioni, che verranno depositate entro 45 giorni”. Come riporta Tgcom24 l’augurio dei Vannini e dell’avvocato è che la Procura generale presenti ricorso in Cassazione: “Perché questa vicenda deve arrivare al vaglio della Suprema corte”.

VIRGILIO NOTIZIE | 30-01-2019 13:35

,,,,,,,