,,

Conte: "La dialettica non metta in discussione la stabilità"

Sull'incontro con Armando Siri, Conte ha dichiarato che avverrà di ritorno da Pechino

Dopo l’ultimo scontro tra Lega e M5S riguardante le province, il premier Giuseppe Conte ha sottolineato il potere della dialettica tra le parti, a patto che non si metta in pericolo la stabilità del governo. Come riporta il Corriere della Sera, il premier, a Pechino per il vertice sulla Via della Seta, ha richiamato le due controparti:

“C’è la bellezza della democrazia che è la dialettica. E specialmente durante i periodi elettorali è normale accentuare il confronto tra le varie parti. Questa dialettica però non deve mettere in discussione il percorso di cinque anni che ci servono per cambiare e migliorare davvero l’Italia”.

Giuseppe Conte ci tiene a ribadire che lui e i due vicepremier devono avere come obiettivo comune il bene dell’Italia:

“In tutti i miei viaggi mi viene spesso sottolineato che ciò che è importante per il bene dell’Italia è la stabilità di governo. Io e i miei vicepremier ne siamo assolutamente consapevoli e lavoriamo tutti e tre per questo”.

Sull’incontro con Armando Siri, di cui si vocifera da giorni, Conte ha dichiarato che avverrà di ritorno da Pechino. ANSA riporta le sue affermazioni:

“Domani confido di poter vedere Siri: non ho ancora fissato l’incontro ma sicuramente domani sarà il primo giorno utile per poterlo vedere. Datemi il tempo di riorganizzare l’agenda per la fase di rientro”.

Tuttavia, fa sapere Palazzo Chigi, Conte rientrerà da Pechino stanotte e martedì ripartirà per la Tunisia. Dunque è difficile che riesca ad avere un colloquio con Siri nella giornata di domani.

Conte aggiunge:

“Sono d’accordo con Salvini e infatti l’ho dichiarato anche io: non sono un giudice. Non è certo con l’approccio del giudice che affronterò il problema”.

VirgilioNotizie | 28-04-2019 11:10

conte Fonte foto: ANSA
,,,,,,,