,,

Caso Diciotti, Salvini a rischio processo: "La parola al Senato"

Matteo Salvini bersagliato dal Tribunale dei ministri di Catania. Spetta al Senato dare l'ok al processo

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini rischierebbe dai 3 a 15 anni di carcere per sequestro di persona. In merito alla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini per il caso Diciotti, da parte del Tribunale dei ministri di Catania, il Senato dovrà prendere una posizione entro 60 giorni. Con maggioranza assoluta.

In seguito alla legge costituzionale numero 1 approvata il 16 gennaio 1989, il presidente del Consiglio dei ministri e i ministri sono sottoposti, per i reati commessi durante l’esercizio delle loro funzioni, alla giurisdizione ordinaria, dopo l’autorizzazione del Senato della Repubblica o della Camera dei deputati.

È in corso un acceso dibattito fra il ministro Salvini e i magistrati, dopo che il vicepremier ha commentato in maniera irrispettosa la decisione del Tribunale dei ministri di Catania. “Ci riprovano, torno ad essere indagato per sequestro di persona e di minori, con una pena prevista da 3 a 15 anni. Manco fossi uno spacciatore o uno stupratore”, afferma Salvini in una diretta Facebook.

“L’obbligo di salvare la vita in mare costituisce un preciso dovere degli Stati e prevale su tutte le norme e gli accordi bilaterali finalizzati al contrasto dell’immigrazione irregolare”. Così scrive il Tribunale dei ministri di Catania, richiedendo autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“Ora la parola passa al Senato e ai senatori che dovranno dire sì o no, libero o innocente, a processo o no. Ma lo dico fin da ora, io non cambio di un centimetro la mia posizione”, ribatte Salvini.

VIRGILIO NOTIZIE | 25-01-2019 15:25

Salvini e il Caso Diciotti
,,,,,,,