,,

Salvini: "Querelo il prossimo che parla di scambio TAV-Diciotti"

Per Salvini i due argomenti non sono correlati. "Bizzarro come la Francia abbia l'analisi costi-benefici e io no"

Sui rumour circa eventuali scambi con il Movimento 5 Stelle tra il voto sull’autorizzazione a procedere per il caso Diciotti e il via libera alla TAV, Matteo Salvini è perentorio: «Il prossimo che ne parla lo querelo».

Ansa riporta le sue parole: «La TAV, come altre opere, secondo me servono. Non siamo al mercatino dove io ti do questo e mi dai quello. Come con le figurine Panini, mi dai Altobelli e ti do Beccalossi». Il paragone di Salvini mette a tacere sul nascere qualsiasi polemica a riguardo.

Sulla TAV, inoltre, esprime le sue perplessità circa la consegna dell’analisi costi-benefici alla Francia: «Io, da vicepresidente del Consiglio che rappresenta gli italiani, non ho l’esame costi-benefici della TAV, ma pare che ce l’abbiano a Parigi. Questo è abbastanza bizzarro…» conclude, come riportato da Ansa.

In merito a ulteriori sviluppi, Francesco Ramella, membro della commissione che ha lavorato all’analisi, assicura che non ci sono stati avanzamenti.  «Non sono state prese decisioni e non ci sono novità» sono state le sue parole, riportate da Ansa.

Interviene anche il vicepremier Luigi Di Maio: «Salvini stia tranquillo, neanche io l’ho letta l’analisi costi-benefici» riferisce Ansa. «Però, io quando mi sveglio penso al fatto che da Roma a Pescara ci vogliono 7 ore in treno, non mi sveglio pensando a un buco per collegare Torino-Lione. Non mi sveglio pensando a come collegare meglio italiani e francesi, ma a come collegare meglio italiani e italiani».

VIRGILIO NOTIZIE | 06-02-2019 12:44

Salvini TAV Fonte foto: Ansa
,,,,,,,