,,

Roma, Umberto Ranieri muore dopo una lite. La rabbia del padre

L'artista 55enne è morto dopo due giorni di agonia

Umberto Ranieri, 55 anni, è morto dopo essere stato aggredito a Largo Preneste, a Roma, domenica scorsa. Secondo quanto riporta il Messaggero, sarebbe stato coinvolto in una lite per delle bottiglie di birra lasciate a terra, dopo aver chiesto al suo aggressore di raccoglierle. Non si esclude, tuttavia, un movente di natura omofoba.

Umberto Ranieri, artista omosessuale, è stato colpito al volto ed è caduto a terra, sbattendo violentemente la testa. È morto dopo un’agonia durata due giorni. Chi lo conosceva ha commentato così: “Magari si è lasciato andare a un apprezzamento non gradito, anche se era sempre gentile. Chi lo ha ucciso è un mostro“. “Quell’uomo rimetteva sempre in ordine la piazza, gettava via le bottiglie vuote lasciate a terra. Credo che il suo gesto abbia dato fastidio a qualcuno che lo ha aggredito”.

L’aggressione è stata ripresa da alcune telecamere di sorveglianza, che hanno immortalato l’aggressore. Di lui esiste già un identikit: secondo quanto riportato dal Messaggero, il profilo sarebbe quello di un 25enne dalla carnagione chiara, forse di origini rumene. Con lui erano presenti anche un ragazzo e due ragazze. Le identificazioni sono attualmente in corso.

Al TG4, la rabbia del padre di Umberto: “Una famiglia distrutta. Ti uccidono un figlio a queste condizioni, e che vogliamo fare?”. Filomeno Ranieri prosegue con gli occhi gonfi di lacrime: “Giustizia. Che si prendano le persone cattive che hanno fatto quel lavoro”. E conclude con un appello: “Se c’è qualcuno che ha visto, che sa, si faccia avanti e denunci ai carabinieri“.

VirgilioNotizie | 22-03-2019 09:13

umberto ranieri Fonte foto: Mediaset
,,,,,,,