,,

Roma, violenza dopo la discoteca. Gli aggressori nelle foto

La ragazza è stata stuprata vicino a una discoteca. Ci sono 800 foto in cui ci potrebbero vedere i colpevoli

I volti dei tre aggressori della ragazza violentata a Roma sabato scorso potrebbero essere ritratti nelle foto della serata, secondo quanto riporta Il Messaggero. Ci sarebbero 800 istantanee che raccontano il party nella discoteca Factory di Roma, tra la folla anche lei. Una 21enne di origini etiopi, che a fine serata si è allontanata con un ragazzo, che la avrebbe poi violentata nel retro del locale insieme ad altri due suoi amici. Nelle foto, la giovane appare vestita con una maglietta rossa e un paio di jeans. In mezzo alla folla ripresa in quelle foto, ci potrebbero essere anche i volti dei suoi violentatori. Le immagini sono già state sequestrate dagli inquirenti, che le stanno vagliando in questo momento. Un documento prezioso per le indagini, visto che il locale da circa un anno e mezzo non ha le telecamere di sorveglianza.

Ragazza violentata vicino alla discoteca. Caccia ai video di sorveglianza

La ragazza violentata a Roma nella notte di sabato 25 maggio, avrebbe conosciuto uno dei suoi aggressori. Questo è quanto affermano gli investigatori della Squadra Mobile di Roma che stanno indagando sulla vicenda, come riporta Ansa.

La giovane, una studentessa di 21 anni originaria dell’Etiopia, vive e studia a Roma. Quella sera era andata in una discoteca nei pressi dello Stadio Olimpico, il Factory, dove avrebbe conosciuto un ragazzo con cui sarebbe poi uscita dal locale. Ma non sono andati tanto lontano. Secondo quanto la ragazza ha raccontato agli investigatori, il ragazzo insieme a due suoi amici l’avrebbero aggredita e poi violentata proprio nei pressi della discoteca.

La giovane è stata poi soccorsa da un’ambulanza del 118 e ricoverata in ospedale, dove i medici avrebbero riscontrato ferite riconducibili ad una violenza sessuale. In questo momento, gli investigatori stanno controllando le telecamere di sorveglianza della zona, che potrebbero aver inquadrato gli aggressori.

Sul caso lavora il procuratore aggiunto Maria Monteleone, che seguendo la denuncia della ragazza etiope sta conducendo un’indagine per violenza sessuale di gruppo.

VIRGILIO NOTIZIE | 22-05-2019 13:43

stupro roma Fonte foto: Ansa
,,,,,,,