,,

Roma, spara al 16enne per legittima difesa: "Non volevo ferirlo"

L'operazione per salvare il 16enne albanese è andata a buon fine. Il 29enne vittima del tentativo di furto non è indagato

Il giovane 29enne che avrebbe ferito con un colpo di pistola il 16enne albanese ritrovato sanguinante appena fuori il policlinico Gemelli, a Roma, ha commentato l’accaduto. Secondo quanto riferisce Il Messaggero, Andrea Pulone non voleva ferire nessuno, quando ha premuto il grilletto.

“Io pensavo di non averlo colpito, avevo mirato alla libreria, volevo solo spaventarli, non volevo ferire nessuno”.

Anche “Studio Aperto” ha intervistato il 29enne. Alla domanda: “Lo rifaresti?”, il ragazzo ha dichiarato:

“Se non fosse entrato nella mia proprietà, non sarebbe successo”.

Il ragazzo ha raccontato a “Studio Aperto”:

“Mi sono trovato a distanza ravvicinata tre individui, di cui uno reggeva la porta e aveva una spranga. Non ho sparato contro di loro. Poi, a quanto mi hanno detto, uno è stato colpito. Il vantaggio di avere una pistola è stato quello di ottenere un effetto dissuasivo. Non sapevo quanti colpi ho sparato. Il rumore dei colpi, sotto l’effetto dell’adrenalina, mi è sembrata un’esplosione di miccette”.

Il ragazzo ha subito un tentativo di rapina mentre era in casa con la fidanzata, a Monterotondo, in provincia di Roma. Intorno alle 19 dello scorso venerdì, i ladri si sono introdotti nella sua abitazione; il 29enne ha quindi impugnato la sua pistola, detenuta regolarmente, ed è sceso le scale sospettando un’intrusione. Quando ha visto i malviventi, ha premuto il grilletto per metterli in fuga; ma un colpo potrebbe aver colpito uno dei ladri, un 16enne albanese, che è riuscito a scappare.

Il 16enne, ferito gravemente, è stato scaricato dai suoi compagni davanti al policlinico di Roma. L’operazione chirurgica per salvargli la vita è andata a buon fine. Ma per il giovane 29enne è stata un’esperienza traumatica. “Andrea è molto dispiaciuto e segnato da questo fatto”, fanno sapere gli amici, come riportato dal Messaggero.

A conferma delle intenzioni non omicide del ragazzo, ci sarebbero alcuni elementi: il 16enne è stato colpito all’addome e non alle spalle, quindi Andrea Pulone non ha sparato mentre i ladri erano già in fuga. Stranamente le tracce di sangue del ferito sono state trovate fuori dall’appartamento e non dentro, ma si ipotizza che i vestiti del 16enne abbiano tamponato la ferita. Per il momento, dunque, Andrea Pulone non è indagato e la procura ha aperto un fascicolo contro ignoti.

VirgilioNotizie | 28-04-2019 08:43

carabinieri Fonte foto: ANSA
,,,,,,,