Pamela Anderson vs Salvini, l’Italia mi ricorda gli anni ‘30

Pamela Anderson, la famosa bagnina di Baywatch, scende in campo contro le politiche migratorie di Salvini e la risposta di Macron ai gilet gialli

Il tweet che non ti aspetti. Pamela Anderson, la famosa bagnina della serie televisiva Baywatch, scende in campo contro le politiche migratorie di Salvini e la risposta ai gilet gialli del Presidente francese Macron.

L’ex attrice di Baywatch ha 1,04 milioni di follower

L’attrice da 1,04 milioni di follower con una serie di tweet, ha criticato duramente le posizioni del ministro dell’Interno italiano: “Salvini ha recentemente affermato che ‘Macron è un problema per i francesi’, il che significa che ciò che sta accadendo attualmente in Francia, con le proteste gilet gialli, è qualcosa che riguarda solo i francesi. Questo è sbagliato. La soluzione non è più Macron o più Salvini, che hanno bisogno l’uno dell’altro e si rafforzano a vicenda. La soluzione non può che essere un risveglio pan-europeo che attraversi i confini e le nazionalità, in grado di affrontare la profonda crisi economica, sociale ed ecologica dell’Europa oggi”.

A Pamela Anderson L’Italia di oggi mi ricorda gli anni ’30

Per la 51enne ex attrice  “quello che sta accadendo in Francia in questi giorni è un problema europeo, nello stesso modo in cui le misure anti-immigrati e le slittate verso una nuova forma di fascismo in Italia sono un problema europeo”. Non solo, la Anderson,  dichiarandosi amante del nostro Paese ha aggiunto: “Pensieri dall’Italia. È un paese bellissimo e mi piace così tanto, dal suo cibo alla sua moda, dalla sua storia alle sue arti, ma sono molto preoccupata per le tendenze attuali che mi ricordano degli anni ’30“.

Dal web la richiesta a Pamela Anderson di candidarsi alle primarie del Pd

In tanti stanno condividendo hanno i tweet della Anderson e commentato le sue affermazioni. Oltre a congratularsi con lei per le sue parole, qualcuno ha chiesto di candidarsi per le primarie del Partito democratico italiano o di unirsi all’Internazionale progressista. Non è la prima volta che Pamela Anderson si schiera apertamente su temi così importanti. Solo pochi mesi fa si era attivamente interessata agli abusi sugli animali e soprattutto alla liberazione dell’ideatore di Wikileaks, Julian Assange.

ASKANEWS | 06-12-2018 14:24