,,

Omicidio di Fortunata Fortugno, arrestato un secondo uomo

Il 16 marzo 2018, la vittima era appartata con un referente di una cosca locale, vero obiettivo dell'agguato

La squadra mobile di Reggio Calabria ha arrestato una seconda persona in relazione all’omicidio di Fortunata Fortugno, di 48 anni, uccisa il 16 marzo dello scorso anno mentre era appartata in auto con Demetrio Logiudice (54), considerato dagli inquirenti come uno dei referenti della cosca Tegano, e obiettivo dell’agguato. Lo riferisce l’Ansa.

L’arrestato è Mario Chindemi, 51 anni, zio di Paolo Chindemi (29), a sua volta già arrestato nel 2018 perché ritenuto l’esecutore materiale dell’agguato. Paolo Chindemi fu sottoposto a fermo il 4 luglio, su disposizione della Dda di Reggio Calabria, diretta da Giovanni Bombardieri, nell’operazione “De bello Gallico”.

Nella stessa operazione, ricorda l’Ansa, furono fermate altre tre persone, tra cui lo stesso Mario Chindemi, accusati, però, non dell’omicidio, ma di associazione mafiosa e detenzione di armi da fuoco, aggravati dalle modalità mafiose. Dopo il fermo, ai tre, sono state prelevate le impronte. Si è accertato che quella di Mario Chindemi corrisponde ad una trovata sull’auto della vittima.

VirgilioNotizie | 24-05-2019 14:33

17730854ade4793bf6fb12677009b5ac.jpg Fonte foto: ANSA
,,,,,,,