,,

Il latitante si è arreso dopo sette ore. Illesi gli ostaggi

Francesco Amato, imputato condannato pochi giorni fa nel maxi-processo di 'ndrangheta "Aemilia", si è arreso

Francesco Amato, imputato condannato pochi giorni fa nel maxi-processo di ‘ndrangheta “Aemilia”, si è arreso dopo sette ore. Irruzione dei carabinieri e Amato è stato bloccato e portato fuori.

L’uomo si era asserragliato dentro l’ufficio postale di Pieve Modolena, frazione di Reggio Emilia, con un coltello. Si era reso irreperibile dopo la sentenza. E’ entrato urlando “vi ammazzo tutti” e poi ha fatto uscire tutti i clienti, tenendo in ostaggio cinque dipendenti, tra i quali la direttrice. Una donna, dopo circa un’ora è stata rilasciata e appena fuori dal locale ha avuto un malore. Il pregiudicato aveva chiesto, tra le altre cose, di poter parlare con il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

VIRGILIO NOTIZIE | 05-11-2018 17:06

latitante1
,,,,,,,