,,

Modena, riti satanici e pedofilia: si riapre il processo

Si riapre il caso dei presunti riti satanici e pedofilia nel Modenese

Il caso dei presunti riti satanici e pedofilia nel Modenese per il quale nel 1998 quindici genitori furono condannati e persero i figli è a una svolta.

Come riporta ‘La Repubblica’, l’avvocato Patrizia Micai ha annunciato che la Corte d’Appello di Ancona (competente per i casi di Bologna) ha fissato per il 20 maggio l’udienza di revisione del processo. L’annuncio è arrivato durante la presentazione del libro scritto da Pablo Trincia, nato dall’inchiesta “Veleno“, condotta assieme a Alessia Rafanelli e diventata un podcast a puntate ascoltabile sul sito del quotidiano.

La vicenda risale alla seconda metà degli anni 90 ed è localizzata tra Mirandola e Massa Finalese in provincia di Modena. Tutto, ricostruisce ‘La Repubblica’, è nato da un bambino di 6 anni che ha iniziato a raccontare di presunte violenze subite dai propri genitori. Da lì, sono entrati in scena riti satanici nei cimiteri, bare disseppellite e omicidi. Altri bambini hanno accusato i loro genitori. Cinque diversi processi hanno portato a 15 condanne e 24 assoluzioni, oltre all’allontanamento definitivo dei ragazzini dai propri nuclei familiari.

Come riportato da ‘La Repubblica’, però, alcuni di quei bambini, rintracciati da Trincia e Rafanelli, hanno ammesso di essere stati plagiati e qualcuno di loro ha voluto riabbracciare i loro cari. Ora, il processo sta per essere riaperto.

VirgilioNotizie | 20-04-2019 10:18

Modena, riti satanici e pedofilia: si riapre il processo Fonte foto: 123rf
,,,,,,,