,

Incendio nella stazione dei Vigili. Fermato il responsabile

Fermato uno straniero. Potrebbe essersi vendicato per una multa. Morte un'anziana e la badante, diversi i feriti gravi e gli intossicati

È stato arrestato il presunto responsabile dell’incendio doloso appiccato la notte scorsa nella stazione della Polizia Municipale di Mirandola, nel modenese, riferisce Ansa. Nel rogo sono morte due donne.

Si tratta di un giovane nordafricano, che è stato fermato nella notte dai carabinieri di Carpi. Il ragazzo è accusato di furto aggravato, danneggiamento a seguito di incendio e morte come conseguenza di altro delitto. Aveva già numerosi precedenti penali e a suo carico era anche stato emesso un ordine di espulsione. Stando alle prime ipotesi, il giovane potrebbe aver agito per  vendetta, a causa di un provvedimento dei vigili nei suoi confronti.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il nordafricano intorno alle tre della notte scorsa si è introdotto nel comando della polizia municipale di Mirandola, forzando l’ingresso. Dopo aver preso un giubbotto antiproiettile, un telefono cellulare di servizio, tre berretti di ordinanza e qualche suppellettile, ha dato fuoco ad alcuni arredi. Poi è scappato, ma è stato individuato subito e bloccato dai militari, a circa cento metri dal luogo dell’incendio. Nel frattempo, le fiamme si erano propagate in tutti gli ambienti, alimentando una intensa coltre di fumo che ha saturato i nove appartamenti al primo e al secondo piano della palazzina dove si trova la stazione della Polizia Municipale.

Sul posto sono intervenuti tempestivamente Carabinieri e Vigili del Fuoco. Il fumo dell’incendio ha provocato la morte per asfissia di una donna anziana italiana, di 84 anni allettata, e della sua badante ucraina di 74 anni, la gravissima intossicazione del marito di questa e, in forma meno grave, quella di altre diciotto persone, che sono state tutte evacuate e trasferite all’ospedale di Mirandola. Le due vittime risiedevano nell’appartamento adiacente alla stazione della Polizia Municipale di Mirandola.

Nella notte, le fiamme hanno causato vittime anche in una clinica psichiatrica vicino Pescara.

Incendio doloso a Mirandola, le reazioni

Matteo Salvini, intervenuto su Twitter, ha commentato così la notizia:

“Arrestato giovane immigrato nordafricano per il rogo che ha devastato la sede della Polizia locale di #Mirandola: due morti, decine di feriti e intossicati. Una preghiera e un abbraccio alle famiglie delle vittime. Altro che aprire i porti!”.

“Azzerare l’immigrazione clandestina, in Italia e in Europa, è un dovere morale: A CASA tutti!”.

“Il marocchino arrestato per la strage l’avrebbe fatto “per vendetta” verso la Polizia locale. Roba da matti.
Altro che “porti aperti”…!
Tra poco, alle 9.30, ne parlo su Rai Uno a #UnoMattina, dove spero di portare anche la vostra voce”.

“#Salvini:a Mirandola un marocchino, pare minorenne, ha dato fuoco alla sede della Polizia locale uccidendo due anziani, ma come si fa??? Altro che porti aperti!!! #UnoMattina #domenicavotoLega”.

VIRGILIO NOTIZIE | 21-05-2019 09:45

Le immagini del rogo nella sede dei vigili Fonte foto: ANSA
Le immagini del rogo nella sede dei vigili
,,,,,,,