,,

Uccise la compagna soffocandola: ​l'uomo si impicca in carcere

Pietro Carlo Artusi, reo confesso dell'omicidio della compagna Roberta Priore, si è impiccato ieri sera

Pietro Carlo Artusi, reo confesso dell’omicidio della compagna Roberta Priore, si è impiccato ieri sera nella cella in cui era detenuto al carcere di San Vittore. Secondo quanto ripota Ansa, il 48enne adesso è ricoverato in coma irreversibile.

L’uomo aveva confessato nella notte fra il 19 e il 20 marzo l’omicidio della donna, con la quale aveva una relazione da appena cinque mesi, come riportato dal Messaggero. Una relazione caratterizzata da continui litigi, che in due occasioni erano culminati con il coinvolgimento della polizia.

Il Messaggero riporta le dichiarazioni di Lorenzo Bucossi, il capo della Mobile milanese: “Durante la deposizione era sconvolto, davvero molto provato. Ci ha detto che lunedì sera sono andati a cena in un locale in zona Ortica, al tavolo avrebbero iniziato a litigare per motivi personali, sembra per una presunta gelosia nei confronti della Priore. La situazione è degenerata al punto che sono andati via ognuno per sé. Poco dopo sono rientrati in casa ed è ripresa la discussione. Artusi dice che entrambi hanno assunto cocaina e che la donna lo ha aggredito lanciandogli oggetti. Ha ricostruito una scena scomposta in diversi momenti, a suo dire l’ha soffocata col cuscino per impedirle di urlare”.

VirgilioNotizie | 25-03-2019 13:36

milano Fonte foto: Ansa
,,,,,,,