,,

In carcere per maltrattamenti torna libero per una mail eliminata

Era stato arrestato per maltrattamenti nei confronti della madre, ma è tornato libero per un disguido con l'invio di una e-mail

Davide Sanfilippo, 50enne del quartiere Barriera di Milano, era stato arrestato il 29 aprile per abusi sulla madre. I Carabinieri del Nucleo radiomobile erano intervenuti a casa della donna, 79 anni, allertati dai vicini.

L’uomo, secondo le ricostruzioni degli inquirenti, avrebbe picchiato l’anziana più volte. Per ciò l’arresto, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. Finito il 2 maggio, per via di un cavillo burocratico e un errore di sistema, come riporta la Repubblica.

La burocrazia degli arresti

Le forze dell’ordine hanno infatti 24 ore per inviare alla Procura di competenza la notizia di reato. Entro le 48 ore dall’arresto, spetta al PM chiedere al GIP di fissare l’udienza di convalida. Il giudice per le analisi preliminari ha altre 48 ore per emettere la decisione.

Per Davide Sanfilippo, si legge su la Repubblica, non ci sarebbe stata nessuna udienza. Senza la valutazione del giudice sulla legittimità dell’arresto, il PM Antonella Barbera ha potuto solo emanare un decreto di liberazione per perdita di efficacia dell’arresto.

Cosa è accaduto in Procura

I Carabinieri avrebbero effettivamente trasmesso via mail alla Procura la notizia del reato. Il server di posta elettronica avrebbe però spostato automaticamente il rapporto nella cartella della posta eliminata. In Procura si sarebbero accorti troppo tardi dell’accaduto, e per via dei tempi burocratici, l’uomo è stato scarcerato.

L’avvocato difensore Enrico Bucci ha spiegato, su La Repubblica, riferendosi al caso analogo dell’assassino di Stefano Leo:

“Rimane indagato. La Procura valuterà quali iniziative assumere. Non è detto che il suo arresto sarebbe stato poi convalidato dal giudice e comunque il caso di Said era molto diverso. Quello era un problema di lentezza della corte d’appello. Qui si è trattato di un disguido, o meglio di una comunicazione che si è persa”.

La Procura ha precisato che il giorno dell’arresto di Davide Sanfilippo sono finite in manette 26 persone, durante un periodo festivo in cui non sarebbe stato presente il normale personale di competenza. Non per giustificarsi, ma per capire come possa essere stato scarcerato un uomo senza alcuna udienza preliminare.

VirgilioNotizie | 05-05-2019 10:19

carabinieri-procura-mail-scarcerato Fonte foto: ANSA
,,,,,,,