,,

No all'imbarco dell'ambulanza, malata costretta sulla sedia

Non può rientrare a casa dopo la chemioterapia. È polemica tra il sindaco e la compagnia navale

È ripartita verso Capri, riferisce l’Ansa, la paziente oncologica reduce dalla terapia rimasta bloccata nel porto di Napoli a causa della nuova politica adottata dalla compagnia navale Caremar. La società non ha consentito l’imbarco della sua ambulanza, allineandosi alla normativa che vieta ai passeggeri di effettuare il viaggio in mare in garage. La donna è stata quindi costretta a salire sul traghetto a bordo di una sedia a rotelle.

“Sono spossata dopo la terapia ma accetto questo sacrificio purché serva a trovare una soluzione definitiva al problema”, ha detto la donna al sindaco di Capri, Marino Lembo, giunto nel porto di Napoli per seguire il caso. “Siamo un’isola infelice – ha detto Lembo – perché è assurdo non poter garantire ai nostri cittadini il diritto alla mobilità e alla salute. Bisogna trovare una soluzione definitiva che non ci discrimini”.

Già nel viaggio di andata si era presentato lo stesso problema, ma la paziente era riuscita a recarsi, con difficoltà, nell’area passeggeri. L’imbarco è stato negato al veicolo sia per la nave in partenza alle 12 sia per quella in partenza alle 12:40, nonostante l’ordinanza del sindaco di Capri, Marino Lembo, notificata gli scorsi giorni agli armatori della Compagnia Caremar.

VirgilioNotizie | 19-06-2019 16:30

ambulanza-bloccata-porto-paziente-tumore Fonte foto: ANSA
,,,,,,,