,,

Lite Lega-M5S, il governo è in stallo su sicurezza e famiglia

Battuta di arresto su decreto sicurezza e decreto famiglia. È in gioco la tenuta del governo

A una settimana dalle elezioni europee, è in gioco l’equilibrio del governo. Come riporta l’Ansa, lo scontro fra i leader del Movimento 5 Stelle e della Lega ha provocato una battuta di arresto per quanto riguarda il decreto sicurezza bis e il decreto famiglia.

Sul decreto sicurezza, il Viminale afferma che “dovrà essere all’ordine del giorno del prossimo Consiglio dei ministri”, vale a dire lunedì. Sul suo completamento assicura:

“I tecnici hanno limato gli ultimi aspetti, il testo è solido, ragionevole e necessario”.

Sul fronte famiglia, Luigi Di Maio ha dichiarato:

“In questo governo possiamo dividerci su tutto, ma non sulla famiglia. Su questo decreto si gioca il destino e la tenuta del governo. Vedo ostruzionismo non costruzionismo”.

Ma gli attriti sulle due controparti si acuiscono anche su altri campi di battaglia, ovvero la questione migranti. Negli scontri è stato trascinato anche il premier Conte, al quale Salvini ha ribadito la sua posizione sullo sbarco della Sea Watch:

“Non c’è presidente del Consiglio o ministro Cinquestelle che tenga, in Italia i trafficanti di esseri umani non arrivano più”.

Intanto, secondo quanto riportato dall’Ansa, è stato concesso lo sbarco a 18 migranti a bordo della Sea Watch. Si tratterebbe, secondo le fonti del Viminale, di bambini accompagnati dai genitori e un uomo in gravi condizioni di salute: sette bambini, sette donne e quattro uomini.

Arriva anche la replica di Di Maio, che paragona Salvini a Renzi:

“La sua arroganza ricorda quella di Renzi, di uomini soli al comando ne abbiamo già avuti e non ne sentiamo la mancanza”.

E Conte, tra i due fuochi, afferma di tenersi fuori dalla competizione elettorale e ribadisce il suo compito: quello di coordinare l’attività dei ministri, e non di dare ordini.

VirgilioNotizie | 18-05-2019 09:05

salvini-conte-di-maio Fonte foto: ANSA
,,,,,,,