,,

Lega: con la nuova legge sarà più facile possedere un'arma

Il partito di Salvini propone un nuovo progetto di legge, con 70 firmatari, per facilitare l’acquisto e la detenzione di armi da fuoco

Dopo il via libera del Senato alla legge sulla legittima difesa, la Lega continua a lottare per rendere più facile l’acquisto e l’uso delle armi. Come riporta AGI, sono circa 70 i deputati firmatari del progetto di legge che vorrebbe raddoppiare la potenza dell’arma detenuta senza licenza.

Il primo nome è quello di Vanessa Cattoi, che ha dichiarato di voler “rendere più agevole l’iter per acquistare un’arma destinata alla difesa personale”. La deputata leghista vorrebbe farlo “aumentando da 7,5 a 15 joule il discrimine tra le armi comuni da sparo e quelle per le quali non è necessario il porto d’armi”.

I promotori del progetto di legge spiegano i motivi della proposta sempre su AGI: “La richiesta del porto d’armi per uso venatorio è solo un pretesto per avere un’arma in casa per difendersi dai malviventi”. I deputati leghisti sperano così di accorciare l’iter per ottenere il permesso per difesa personale.

La risposta di Di Maio

Su Facebook non si è fatta attendere la risposta di Luigi Di Maio: “Mettiamo un attimo i puntini sulle i: io un Paese con la libera circolazione delle armi non lo voglio. Non lo vuole il MoVimento 5 Stelle e sono sicuro non lo vogliano nemmeno gli italiani”. Lo sfogo social, riportato da Adnkronos, prosegue: “Abbiamo fin troppi problemi da risolvere in questo Paese, non aggiungiamone altri”.

Il vicepremier critica poi direttamente il progetto di legge della Lega. “C’è una proposta di legge firmata da 70 deputati in Parlamento che punta a facilitare l’acquisto di armi per la difesa personale. Nessun eletto del MoVimento la voterà. Nessuno! Anche perché più sicurezza non vuol dire certo più armi in strada, al contrario”.

Cosa cambierebbe con la nuova legge

In Italia non è possibile detenere e acquistare a libera vendita un’arma di potenza superiore ai 7,5 joule. Tale unità di misura viene utilizzata in balistica per misurare l’energia cinetica sviluppata dal proiettile durante l’impatto. Oltre il limite – che in Francia è di 40 joule e in Spagna di 21 – è necessaria l’autorizzazione e la denuncia di possesso.

Se dovesse passare, la nuova normativa modificherebbe la legge del 1975 numero 110, che era già stata aggiornata nel settembre 2018. E che prevede che per l’acquisto di armi di potenza inferiore ai 7,5 joule sia sufficiente aver compiuto la maggiore età ed esibire un documento di identità in corso di validità.

VirgilioNotizie | 29-03-2019 10:07

armi-fuoco Fonte foto: Ansa
,,,,,,,