,,

Le dichiarazioni del carabiniere ferito nell'agguato del foggiano

Il giovane carabiniere ferito ha anche ammesso di essere ancora sotto choc per la vicenda e per aver perso il collega, di cui ricorda il sorriso

Pasquale Casertano, il carabiniere 26enne rimasto ferito lo scorso 13 aprile a Cagnano Varano nell’agguato in cui è stato ucciso il maresciallo Vincenzo Di Gennaro, si è espresso sulla vicenda. Si legge su ANSA:

“Il mio primissimo pensiero va solo al collega, il maresciallo Vincenzo. L’ultima immagine che conservo è il suo sorriso. Con lui si scherzava sempre, era un fratello maggiore. È stato per me un punto di riferimento umano e professionale. Mi ha insegnato a sorridere sempre, anche nelle situazioni più complicate”.

Il carabiniere si sta rimettendo

Il militare è ancora ricoverato all’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, nel reparto di chirurgia addominale. Le sue condizioni sono in netto miglioramento. Ai microfoni dell’agenzia ha dichiarato anche che non sa se riuscirebbe a perdonare Giuseppe Papantuono, autore dell’agguato.

“Io sono ancora sotto choc. Purtroppo di quel giorno non riesco ancora a definire il quadro completo (…). Sto un po’ meglio, sono uscito da un giorno dalla terapia intensiva. Adesso finalmente sono in fase di recupero”.

VirgilioNotizie | 19-04-2019 10:08

I funerali del collega Vincenzo Di Gennaro Fonte foto: ANSA
I funerali del collega Vincenzo Di Gennaro
,,,,,,,