,,

Insulta Falcone e Borsellino su Realiti: Rai lancia l'inchiesta

Lo show è stato spostato per ora in seconda serata

La Rai farà partire un’indagine interna dopo quello che è successo nella prima puntata del suo nuovo show Realiti, diretto dalla ex-iena Enrico Lucci e andato in onda su Rai 2 lo scorso 5 giugno. Lo riporta “La Repubblica”.

Come primi ospiti, la trasmissione ha invitato due famosi ‘neomelodici’: Leonardo Zappalà, 19 anni, detto ‘Scarface’, e Niko Pandetta, 28 anni, in arte ‘Tritolo’. Quest’ultimo è conosciuto come “il re del neomelodico catanese” perché nipote di Turi Cappello, boss della stidda condannato al carcere a vita per reati di mafia.

Ha fatto molto discutere la scelta della tv nazionale di invitare questi due personaggi. La critica è arrivata dell’Usigrai Vittorio Di Trapani, che ha fatto notare come la trasferta per partecipare alla trasmissione sarebbe stata pagata proprio dalla Rai.

Ma la vera polemica è scoppiata durante la trasmissione, quando Zappalà ha commentato un video sulla vita di Falcone e Borsellino dicendo: “Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro”. Una frase controversa, a cui Lucci ha prontamente risposto con l’augurio di “studiare la storia”.

Poi è stata la volta del nipote del boss, Niko Pandetta, che ha spiegato come suo zio scriva alcune delle canzoni direttamente dal carcere. Il cantante aveva già ammesso che alcuni dei suoi singoli fossero scritti per il boss condannato al carcere duro. “Mio zio scrive i testi delle canzoni dal 41 bis, il primo cd l’ho finanziato con una rapina”, ha detto in diretta.

La risposta della Rai non si è fatta attendere, e dopo la messa in onda del programma ha rilasciato un comunicato, riportato da “Repubblica”, in cui si legge che “la Rai ritiene indegne le parole su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, pronunciate da due ospiti della puntata di Realiti, andata in onda su Rai2 in diretta”. Viale Mazzini annuncia poi di aver “avviato un’istruttoria per ricostruire i passaggi della vicenda”.

Ad aggiungersi al coro delle critiche, Paolo Borrometi, giornalista sotto scorta dopo aver svelato le infiltrazioni mafiose a Scicli e i giri delle cosche in Sicilia. Borrometi scrive riguardo a Zappalà: “Il problema è che ‘personaggetti’ del genere non meritano di andare in Rai. Ed è grave che vengano invitati”. Parlando poi del nipote del boss, Niko Pandetta, il giornalista ricorda che è stato proprio il clan dello zio a minacciare un attentato alla sua vita con un’autobomba. “Ma è possibile tutto ciò?”, ha concluso Borrometi. “C’è chi è morto per la Giustizia, c’è chi dovrebbe saltare in aria secondo i piani dei clan. E la Rai cosa fa? Fa parlare chi inneggia ai boss?”.

La prima puntata di Realiti è stata rimossa dal sito di RaiPlay. Lo show invece è stato sposato in seconda serata.

VirgilioNotizie | 10-06-2019 20:32

Lucci-polemiche Fonte foto: Ansa
,,,,,,,