,,

In prigione per 5 mesi, a scarcerarlo la confessione del sosia

Bari, il pentimento del vero rapinatore rimette in libertà un uomo praticamente identico a lui e arrestato al suo posto

In carcere per cinque mesi per una rapina in gioielleria che avrebbe commesso un sosia. È la vicenda giudiziaria che coinvolge un uomo di 46 anni di Bitonto (Bari), scarcerato oggi dopo essere stato scagionato dal vero autore del colpo, incontrato per caso in cella, che ha deciso di confessare.

La rapina in questione è avvenuta in una gioielleria di Sannicandro al primo marzo 2016 e aveva fruttato ai delinquenti un bottino di 20mila euro. Le indagini dei Carabinieri avevano portato all’arresto del 46enne nei primi giorni di settembre scorso. In carcere, a Bari, l’incontro tra i due uomini e l’evidenza di una somiglianza incredibile.

Il vero rapinatore colto da un “forte rimorso di coscienza nel vedere un innocente padre di famiglia accusato di un reato con non ha commesso” come lui stesso ha poi dichiarato, decide di confessare di essere l’autore di quella rapina. Dopo le indagini del caso, la convocazione in tribunale e l’accoglimento della richiesta di scarcerazione per l’innocente.

VIRGILIO NOTIZIE | 27-01-2017 14:55

sosia-bari
,,,,,,,