,,

Governo, via libera al Def: stime di crescita ridotte allo 0,2%

Nessuna manovra correttiva e nuove tasse, rispettati gli obiettivi UE

Nella serata di martedì il Consiglio dei Ministri ha approvato il Def, il Documento di Economia e Finanza. “Confermati i programmi di governo: nessuna nuova tassa e nessuna manovra correttiva”. È quanto si legge, riporta l’Ansa, in una nota di Palazzo Chigi diffusa dopo il CdM.

Il Def

Nel documento varato martedì ci sono le norme per il rimborso dei risparmiatori truffati dalle banche, non c’è la tanto temuta manovra correttiva né l’introduzione di nuove tasse. Non c’è nemmeno la cosiddetta “flat tax” a due aliquote che il leader della Lega Matteo Salvini spingeva per inserire. Nel documento varato dal governo c’è solo l’indicazione della volontà dell’esecutivo di introdurre gradualmente la riforma fiscale. Tutto rinviato almeno a dopo il voto per le europee del prossimo 26 maggio. Anche perché al momento non ci sarebbero le risorse necessarie: la flat tax costerebbe almeno 15 miliardi di euro, a cui si dovrebbero aggiungere ulteriori 20 miliardi di euro per evitare l’aumento dell’IVA nel 2020.

I numeri

Con il Def il governo Conte ha rivisto al ribasso, non senza scontri, le stime di crescita del Pil per il 2019: dall’1% della manovra economica di dicembre allo 0,2% attuale, una cifra in linea con tutte le previsioni  fatte dai principali organismi internazionali, a partire da Commissione Europea e Fondo Monetario Internazionale. Nei nuovi numeri ci sono inoltre il peggioramento del deficit e l’aumento del debito: dal 132,2% del 2018 il debito sale in quest’anno al 132,7%,  mentre il rapporto deficit/pil sale dal 2,04 al 2,4%, livello che a dicembre era stato bocciato dalla Commissione UE.

VirgilioNotizie | 09-04-2019 22:05

conte Fonte foto: Ansa
,,,,,,,