,,

La lettera "vuota" di Conte a Bruxelles: Rigore fa male a Italia

Al termine del vertice serale il premier ha scritto agli altri 27 Paesi membri Ue

Una lettera del presidente del Consiglio Giuseppe Conte all’Ue sarebbe stata spedita mercoledì sera al termine del Consiglio dei ministri. La missiva di sei pagine, come riporta il Corriere della Sera, è indirizzata ai 27 Paesi membri dell’Unione europea, al presidente della commissione Jean Claude Juncker e al presidente del Consiglio Donald Tusk. Obiettivo: disinnescare il rischio di una procedura d’infrazione.

“Siamo tutti determinati a evitare la procedura — ha detto Conte —ma siamo anche convinti della nostra politica economica”. L’esecutivo italiano prometterebbe il taglio dei 2 miliardi di fondi ministeriali che nell’ultima manovra era stato accettato di congelare a ulteriore garanzia di tenuta dei conti pubblici. Bruxelles dovrebbe quindi essere rassicurata dai benefici sul deficit portati dalla cancellazione di quei circa 2 miliardi di spesa pubblica.

“Rispettare le regole europee, senza che ciò impedisca che ci facciamo anche portatori di una riflessione incisiva su come adeguare le regole”, è l’idea del presidente del Consiglio, supportata soprattutto dal ministro dell’Economia Giovanni Tria e che il premier tenta di condividere nel vertice con i due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, e poi anche con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Per Conte, inoltre, le prossime settimane saranno utili per fare valere il peso italiano nella scelta dei nuovi commissari europei. “L’Ue dovrà decidere non solo da chi ma anche in quale direzione essere guidata”, aveva detto il premier che ritiene che il governo possa ottenere “un commissario economico”.

VIRGILIO NOTIZIE | 20-06-2019 07:15

Giuseppe Conte Fonte foto: Ansa
,,,,,,,