,

Giulio Romano e la 'stravagante maniera'

A ottobre a Mantova. Dal Louvre per la prima volta 72 disegni

(ANSA) – ROMA, 06 FEB – La novità assoluta del tratto, fondamentale all’elaborazione del linguaggio manierista; la stretta relazione tra i suoi disegni e gli ambienti reali; e poi il talento come architetto, e una feconda eredità lasciata a tanti artisti che a lui guardarono come un maestro. L’autunno del 2019 a Mantova sarà nel segno di Giulio Romano, grazie alla grande mostra-omaggio “Con nuova e stravagante maniera”, allestita dal 6 ottobre al 6 gennaio al Complesso Museale Palazzo Ducale. Un progetto ambizioso e di grande rigore scientifico, che ha l’obiettivo di restituire a 360° la figura dell’artista, il più importante allievo di Raffaello, capace di esprimersi con grande poliedricità nell’architettura e nella pittura, negli arazzi e nell’oreficeria, trovando nel disegno un comune denominatore. La mostra inaugura anche la collaborazione con il Louvre e il Département des Arts Graphiques, che per la prima volta concederà dal suo fondo di disegni dell’artista un eccezionale nucleo di 72 fogli.

ANSA | 06-02-2019 16:27

,,,,,,,