Gilet gialli: 32mila in piazza in Francia, scontri a Bordeaux

Lancio di lacrimogeni. Cinquemila manifestanti a Bourges

Più numerosi, meno violenti: al nono appuntamento prove di normalizzazione nell’ormai tradizionale week-end di protesta dei gilet gialli, che per la prima volta a Parigi vengono inquadrati da un loro servizio d’ordine lungo un percorso concordato e autorizzato dalla polizia. Il movimento resta invece fluido e incontrollabile in provincia: a Bordeaux, una delle città dove le manifestazioni sono più violente, gli scontri sono stati duri anche oggi, con vandalismi e incendi.

Parigi ha trascorso un sabato di grande tensione ma, per una volta, la manifestazione si è sciolta all’Arco di Trionfo senza auto in fiamme e negozi devastati, il quadro diventato ormai tristemente noto da due mesi. Sono bastate alcune cariche della polizia e qualche lacrimogeno per convincere qualche facinoroso a rinunciare allo scontro. Non c’era l’esercito di casseur, anche per la presenza massiccia e fin dal mattino aggressiva di poliziotti e gendarmi, schierati in 80.000 su tutto il territorio, almeno 5-6.000 a Parigi, in assetto da guerriglia e con i blindati dell’esercito.

Oltre alla Marsigliese e all’immancabile ‘Macron, demission’, lo slogan del giorno era ‘Christophe libero’, in omaggio al pugile Dettinger in stato di fermo per aver picchiato due poliziotti una settimana fa. Sull’insieme del territorio erano 84.000 i gilet gialli in campo per la 9/a puntata della protesta, contro i 50.000 di sabato scorso, contrassegnato da atti di violenza a Parigi, la furia del boxeur e lo sfondamento con una macchina da cantiere del portone del ministero per i Rapporti con il Parlamento. Stavolta su tutta la Francia i fermati sono stati 200, un numero decisamente inferiore al passato, non più di 80 a Parigi. I feriti lievi 24, a preoccupare sono soltanto due persone, un manifestante e un poliziotto ricoverati in codice rosso, non per ferite ma per malesseri.

ANSA | 12-01-2019 21:57