,,

Emanuele: fermati due fratellastri, minacce ai loro familiari

Due persone sono finite in carcere per l'omicidio di Emanuele Morganti

Due persone sono finite in carcere per l’omicidio di Emanuele Morganti, il ragazzo di 20 anni vittima di due pestaggi nella notte tra venerdì e sabato nella piazza di Alatri, nel frusinate, e morto due giorni dopo per le lesioni riportate.

Sono Mario Castagnacci, 27 anni, e Paolo Palmisani, 20 anni, due fratellastri della cittadina che si erano rifugiati da alcuni parenti a Roma. Per il Procuratore capo di Frosinone, Giuseppe De Falco, ad armare le loro mani in quei 15 minuti di violenza forse è stata una volontà di controllo del territorio, annebbiata probabilmente da un mix di cocaina e alcol. Per i due l’accusa è di omicidio volontario aggravato dai futili motivi.

Intanto sulla pagina Facebook nata per ricordare Emanuele tanti messaggi ma anche intimidazioni contro i due fermati. “I genitori si devono fare giustizia da soli, devono impiccare in piazza gli assassini”, scrive una donna.

VIRGILIO NOTIZIE | 29-03-2017 10:29

,,,,,,,